Cosa bisonga fare in caso di violazione dei dati personali che compromettono la privacy delle persone fisiche?


In caso di violazione dei dati il Titolare deve dare comunicazione all’Autorità di controllo (Garante Privacy) entro 72 ore e comunque senza ingiustificato riguardo, soltanto se si ritenga che da questa violazione possano derivare rischi per i diritti e le libertà degli interessati.

La segnalazione deve essere effettuata dal Titolare del Trattamento in modo chiaro e specifico, nel più breve tempo possibile, e deve riportare la natura della violazione, le circostanze ad essa relative, le sue probabili conseguenze e i provvedimenti adottati (o che si intendono adottare) per porvi rimedio e attenuare i possibili effetti negativi.

Nella comunicazione deve inoltre essere indicato il Responsabile della Protezione dei dati (c.d. Data Protection Officer), con i relativi dati di contatto.

Se la probabilità di tali rischi è elevata devono essere avvisati anche i singoli interessati.

Le Violazioni possono essere molte ad esempio:
  •      Perdita dei dati;
  •      Furto dei dati;
  •      Alterazioni di cartelle cliniche;
  •      Alterazioni di cartelle esattoriali;
  •      Alterazione di verbali relativi al codice della strada;
  •      invio dei dati all’esterno non autorizzati;
  •      intercettazione dei dati accesso abusivo al sistema informatico; ecc.
Per consulenze Privacy, assunzione incarico DPO, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari sul Regolamento europeo GDPR 2016/679, chiamare MODI al numero 0415412700 o visitare i siti internet www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.