La UNI ISO 37001:2016 è la prima norma sui sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione certificabile.




La UNI ISO 37001:2016 definisce requisiti generici, applicabili a qualsiasi organizzazione indipendentemente dal tipo, dalle dimensioni e dalla natura dell’attività, sia nel settore pubblico, sia in quello privato o del no profit.


La UNI ISO 37001:2016 è la prima norma sui sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione certificabile.

La norma UNI ISO 37001:2016, dal titolo "Sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione - Requisiti e guida all'utilizzo", è stata pubblicata da UNI il 20 dicembre 2016.

La norma UNI ISO 37001:2016 specifica i requisiti e fornisce una guida per l'implementazione di un sistema di gestione progettato per "aiutare" le organizzazioni a prevenire, rintracciare e affrontare la corruzione e a rispettare le leggi sulla prevenzione e lotta alla corruzione.

La struttura della norma si basa su HLS (High-Level Structure) è utilizzata da ISO anche per gli altri standard sui Sistemi di Gestione, con lo scopo di favorire l'integrazione tra essi.

In Italia la norma non “supera” in nessun modo le leggi di riferimento (D.Lgs. 231 e la Legge 190/2012), ma rappresenta con certezza per l’adozione di sistemi di prevenzione della corruzione come richiesti dalle citate leggi.

Il Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231 si concentra sui fenomeni di corruzione a vantaggio dell’ente, un sistema di gestione conforme alla norma ISO 37001 dovrà efficacemente prevenire anche i fenomeni di corruzione passiva a vantaggio della persona fisica, elemento invece sul quale la Legge 190/2012 già si concentra.

Per la consultazione di materiali sulla ISO 37001 come slide, video, materiali, faq ecc., Maurizio Billi e lo staff di Consulenza Certificazione ISO 37001.it by MODI S.r.l. hanno messo a un sito internet dedicato www.consulenzaregolamentoiso37001.it

A disposizione per gli imprenditori del Veneto e del Nord Est di aziende interessate all’adozione della norma UNI EN ISO 37001:2016 il numero verde 800300333 per richiedere un sopralluogo gratuito e un preventivo personalizzato.










Secondo il Regolamento UE 679/16 alcune categorie di dati sono soggetti a regole stringenti?


Secondo il Regolamento UE 679/16 alcune categorie di dati sono soggetti a regole stringenti?

Si per esempio i trattamenti particolari e relativi a condanne penali (art. 9, 10). In particolare, per i dati personali relativi a condanne penali e reati o connesse misure di sicurezza, può avvenire soltanto sotto il controllo dell'autorità pubblica o dietro autorizzazione del diritto dell'Unione o degli Stati Membri.

Alcune categorie particolari di dati (sesso, origine razziale/etnica, convinzioni religiose e appartenenza

politica, etc.) sono soggette a regole stringenti, in mancanza delle quali è vietato ogni trattamento:

• Consenso esplicito;

• Tutela di un interesse vitale;

• I dati trattati sono resi pubblici dall'interessato;

• Motivi di interesse pubblico;

• Etc.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.



Il Rappresentante per il trattamento dei dati personali

Il Rappresentante è la persona fisica o giuridica stabilita in uno degli Stati membri in cui si trova l’interessato, e che rappresenta un titolare o responsabile straniero. Funge da interlocutore con le autorità di controllo e gli interessati per tutte le questioni relative al trattamento.
Non è obbligatorio per gli organismi pubblici, e se il trattamento è occasionale, non su larga scala o riguarda condanne penali e reati ma senza un concreto rischio per i diritti e libertà delle persone fisiche.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato. 

Non bisogna aspettare l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it


Nel Regolamento UE 679/2016 è negli articoli 7 e 8 che viene trattato il “CONSENSO”

Il Regolamento UE 679/2016 tratta negli articoli 7 e 8 il “consenso” quale onere della prova della sussistenza del consenso al trattamento prestato dall’interessato è in capo al titolare.

In qualsiasi momento l’interessato può revocare il proprio consenso, senza che questo pregiudichi la liceità del trattamento già effettuato precedentemente.

Il trattamento dei dati del minore è lecito solo se questo abbia almeno 16 anni (in alcuni stati anche 13), altrimenti è necessario il consenso prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.

panino

Nel Regolamento UE 679/2016 è negli articoli 7 e 8 che viene trattato il “CONSENSO”

Il Regolamento UE 679/2016 tratta  negli articoli  7 e 8 il "consenso" quale onere della prova della sussistenza del consenso al trattamento prestato dall'interessato è in capo al titolare.

In qualsiasi momento l'interessato può revocare il proprio consenso, senza che questo pregiudichi la liceità del trattamento già effettuato precedentemente.

Il trattamento dei dati del minore è lecito solo se questo abbia almeno 16 anni (in alcuni stati anche 13), altrimenti è necessario il consenso prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale.
Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato. 

Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.



Come va applicato dalle aziende? Il Regolamento 679 Europeo Privacy o GDPR?


Come va applicato dalle aziende il Regolamento 679 Europeo Privacy o GDPR?

Il Regolamento 679 Europeo Privacy o GDPR introduce nuove tutele a favore degli interessati, e inevitabilmente nuovi obblighi a carico di Titolari e Responsabili del trattamento di dati personali.

Il Regolamento Privacy andrebbe vissuto dalle aziende non come una serie di “adempimenti”, ma come una serie di “strumenti” e di “tutele” a vantaggio di chi tratta i dati personali. Quindi non solo privacy, ma anche sicurezza informatica.

Lo staff tecnico di MODI SRL di Spinea, Mestre Venezia, analizza, valuta e disciplina la gestione del trattamento dei dati personali e della salvaguardia degli stessi all’interno dell'azienda Cliente, secondo le direttive imposte dalle normative vigenti.

Per informazioni 800300333 https://www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.


La norma UNI ISO 37001:2016, dal titolo “Sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione”

  
La norma UNI ISO 37001:2016, dal titolo "Sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione - Requisiti e guida all'utilizzo", è stata pubblicata da UNI il 20 dicembre 2016.
Lo staff di MODI ha dedicato un sito internet informativo a questa norma e ha già porta alla Certificazione alcune dite clienti.

Cosa prevedono le condizioni di liceità del consenso dei dati personali secondo il GDRP 679/16?

Cosa prevedono le condizioni di liceità del consenso dei dati personali secondo il GDRP 679/16?

Secondo i “Principi generali” (art. 5, 6, 7) il trattamento del dato deve essere lecito, corretto e trasparente e le finalità devono essere determinate, esplicite, legittime.
Il dato deve essere adeguato, pertinente, limitato

esatto, aggiornato e conservato per il tempo necessario allo scopo per il quale è stato raccolto.

Le condizioni di liceità del consenso prevedono la presenza del consenso e l’obbligo di trattamento (insieme di operazioni riguardanti i dati personali come ad esempio la raccolta, modifica, uso, cancellazione e distruzione)

I dati vengono trattati per adempiere ad un obbligo legale, per la salvaguardia degli interessi vitali dell’interessato o di altra persona fisica, per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso a pubblici poteri di cui è investito il titolare del trattamento, per il perseguimento del legittimo interesse de titolare del trattamento e di terzi, a condizione che non prevalgano gli interessi o i diritti e le libertà fondamentali dell’interessato che richiedono la protezione dei dati personali, in particolare se l’interessato è un minore.

Assolvere obblighi ed esercitare diritti specifici del titolare del trattamento o dell’interessato in materia di diritto del lavoro e della sicurezza e protezione sociale.

Il trattamento si basa sul diritto dell’Unione o dello stato membro cui è soggetto il Titolare.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.
Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.

 

Consultazione di materiali sulla ISO 3700:2016


La norma ISO 37001:2016 “Anti-bribery management systems”  indica i requisiti ed illustra le linee guida per progettare, attuare, manteneree migliorare un SISTEMA DI GESTIONE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE.

La norma UNI EN ISO 37001:2016 si ispira alle buone pratiche internazionali e può essere utilizzata in tutte le giurisdizioni e concerne tutte le forme di corruzione sia nel settore pubblico che nel settore privato.

L’anti-bribery Management System può essere un sistema a sè stante oppure integrato in un sistema di gestione globale.

L’Organizzazione può infatti scegliere di attuare il Sistema di Gestione sull’Anticorruzione insieme a, o come parte di altri sistemi, come quelli riguardanti la qualità, l’ambiente e la sicurezza.
 


Le Organizzazioni soggette alla legge italiana, possono fare in modo che il  Sistema di Gestione sull’Anticorruzione faccia parte del «Modello di Organizzazione e Gestione» adottato ai sensi del D. Lgs. 231/2001. 


 


Grazie alle numerose esperienze in ambito di compliance aziendale, alle risorse e le competenze acquisite, MODI ha tutti i numeri per accompagnare le aziende nel percorso per l'ottenimento della  certificazione di un Sistema di Gestione a norma UNI EN ISO 37001:20013.



Per la consultazione di materiali sulla ISO 37001 come slide, video, materiali, faq ecc., Maurizio Billi e lo staff di Consulenza Certificazione ISO 37001.it by MODI S.r.l. hanno messo a un sito internet dedicato www.consulenzaregolamentoiso37001.it.

A disposizione per gli imprenditori del Veneto e del Nord Est di aziende interessate all’adozione della norma UNI EN ISO 37001:2016 il numero verde 800300333 per richiedere un sopralluogo gratuito e un preventivo personalizzato.
 





ISO 37001:2016 “Anti-bribery management systems”


La Certificazione del Sistema di Gestione anticorruzione ISO 37001 da parte di una società terza indipendente (organismo di certificazione), non certifica l’assenza di atti di corruzione da parte delle Aziende, ma assicura che l'Organizzazione abbia applicato al proprio sistema di gestione anticorruzione i requisiti previsti dalla norma UNI EN ISO 37001:2016. 

 

I requisiti della norma se correttamente implementati, permettono di ridurre i rischi di commissione di atti corruttivi.


La norma ISO 37001:2016 “Anti-bribery management systems” può essere un sistema dedicato oppure integrato in un sistema di gestione globale.
 

Grazie alle numerose esperienze in ambito di compliance aziendale, alle risorse e le competenze acquisite, MODI ha tutti i numeri per accompagnare le aziende nel percorso per l'ottenimento della  certificazione di un Sistema di Gestione a norma UNI EN ISO 37001:20013.

 

Per la consultazione di materiali sulla ISO 37001 come slide, video, materiali, faq ecc., Maurizio Billi e lo staff di Consulenza Certificazione ISO 37001.it by MODI S.r.l. hanno messo a un sito internet dedicato www.consulenzaregolamentoiso37001.it

A disposizione per gli imprenditori del Veneto e del Nord Est di aziende interessate all’adozione della norma UNI EN ISO 37001:2016 il numero verde 800300333 per richiedere un sopralluogo gratuito e un preventivo personalizzato.

 


 


 

Cosa prevedono le condizioni di liceità del consenso dei dati personali secondo il GDRP 679/16?


Cosa prevedono le condizioni di liceità del consenso dei dati personali secondo il GDRP 679/16?

Secondo i "Principi generali" (art. 5, 6, 7) il trattamento del dato deve essere lecito, corretto e trasparente e le finalità devono essere determinate, esplicite, legittime.

Il dato deve essere adeguato, pertinente, limitato
esatto, aggiornato e conservato per il tempo necessario allo scopo per il quale è stato raccolto.

 Le condizioni di liceità del consenso prevedono la presenza del consenso e l'obbligo di trattamento (insieme di operazioni riguardanti i dati personali come ad esempio la raccolta, modifica, uso, cancellazione e distruzione)

I dati vengono trattati per adempiere ad un obbligo legale, per la salvaguardia degli interessi vitali dell’interessato o di altra persona fisica, per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso a pubblici poteri di cui è investito il titolare del trattamento, per il perseguimento del legittimo interesse de titolare del trattamento e di terzi, a condizione che non prevalgano gli interessi o i diritti e le libertà fondamentali dell’interessato che richiedono la protezione dei dati personali, in particolare se l’interessato è un minore.

Assolvere obblighi ed esercitare diritti specifici del titolare del trattamento o dell’interessato in materia di diritto del lavoro e della sicurezza e protezione sociale.

Il trattamento si basa sul diritto dell’Unione o dello stato membro cui è soggetto il Titolare.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato. 

Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.


Per il mantenimento della qualifica di RSPP/ASPP sono gettonatissimi i corsi online con uso di piattaforma multimediale attiva 365 giorni all’anno 24 ore su 24.

Suggeriamo ai colleghi interessati la frequenza a distanza ai corsi di aggiornamento quinquennale. La formazione online sta diventando sempre di più un'alternativa alla frequenza in aula. I corsi a distanza sono comodi, economici e proposti a condizioni economiche vantaggiose e in offerta.

Per il mantenimento della qualifica di RSPP/ASPP sono gettonatissimi i corsi online con uso di piattaforma multimediale attiva 365 giorni all'anno 24 ore su 24.

Tra i vari corsi disponibili ci sono anche quelli per i lavoratori, i  datori di lavoro, i preposti, e i  dirigenti.
 
Soprattutto i corsi di MODI SRL sono raccomandati dagli stessi allievi.

I corsi online sono validi su tutto il territorio nazionale e sono raccomandati dagli stessi allievi.

Quando c'è soddisfazione per un prodotto o un servizio acquistato viene "naturale" parlarne bene con i propri amici, colleghi, Clienti ecc.

l passaparola tra gli utilizzatori è un'arma vincente per qualsiasi attività commerciale per trovare nuovi Clienti.

Per lo stesso motivo, trovare in rete delle recensioni positive, dei  commenti, dei post, delle valutazioni a cinque stelle sui servizi e corsi da offerti da MODI risulta essere per la nostra Organizzazione un valore aggiunto.

Desideriamo anche in questa occaisone,  ringraziare tutti i Clienti della MODI SRL che in questi anni con le loro recensioni, post, commenti e questionari positivi hanno contribuito a migliorare la nostra visibilità nel web indirizzando amici e altri consumatori a provare i nostri corsi e servizi di Consulenza aziendale.

Saper monitorare ciò che viene detto dai consumatori ci permette di migliorare i nostri servizi, nonché apportare significative evoluzione all’interno del contesto del customer care.

Avere una buona Reputazione Online è fondamentale per qualsiasi azienda che ha un mercato raggiungibile dalla rete e noi di MODI mettiamo al primo posto l'attenzione verso il Cliente apportando la tecnica del "miglioramento continuo". 
Per il mantenimento della qualifica di RSPP/ASPP, per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it

Quali sono le disposizioni generali e iprincipi de Regolamento GDPR UE 679/16?

Quali sono le disposizioni generali e iprincipi de Regolamento GDPR UE 679/16?

Il Regolamento 679/16 si apre con alcune disposizioni generali, suddivise in 2 CAPI:

“Disposizioni” generali che comprendono gli articoli da 1 a 4 e sono dedicate a individuare:

• oggetto e finalità del Regolamento;
• ambito di applicazione per materia;
• ambito di applicazione per territorio;
• definizioni.

Disposizioni generali (art. 1, 2, 3)

Il titolare/beneficiario del diritto alla protezione dei dati è la persona fisica.

Il regolamento non disciplina il trattamento dei dati personali relativi a persone giuridiche, compresi il nome e la forma della persona giuridica e i suoi dati di contatto (considerando n. 14)

Il regolamento non si applica ai trattamenti di dati personali solo quando si è in presenza di trattamento per finalità esclusivamente personali o domestiche (art,2, co. 2, lett. c ); considerando n. 18 e 27)

La libera circolazione dei dati personali nell’Unione non può essere limitata né vietata per motivi attinenti alla tutela non armonizzata delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali.

Il trattamento può essere interamente, parzialmente o non automatizzato.

Per il trattamento dei dati effettuato da istituzioni, organi, uffici e agenzie dell’Unione, si applica il Regolamento 45/2001.

Il Regolamento si applica per il trattamento:
– Effettuato dal soggetto stabilito nell’UE, anche se il trattamento è effettuato extra UE
– Di interessati che si trovano in territorio UE, se
• il trattamento riguarda offerta di beni e servizi o
• se vi è il monitoraggio del comportamento dell’interessato

Si rilevano due argomenti strettamente legati:

Tutela delle persone con riguardo al trattamento dei dati + circolazione dei dati.

La protezione dei diritti della persona è obiettivo da garantire soprattutto quando il dato personale passa “di mano in mano”.

Gli stessi “considerando” del Regolamento ritengono opportuno che le persone fisiche debbano avere il controllo dei dati personali.

La circolazione delle informazioni è elemento necessario dello sviluppo e del progresso economico.

E “Principi” che comprendono gli articoli da 5 a 11 e disciplinano:
• principi generali;
• liceità;
• consenso;
• consenso dei minori;
• particolari categorie di dati;
• trattamenti relativi a condanne penali e reati.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.

Quali competenze sono necessarie per implementare un Sistema di Gestione UNI ISO 37001:2016?


Le competenze necessarie per implementare un Sistema di Gestione anticorruzione UNI ISO 37001:2016 sono:

•  giuridiche nell’ambito del Decreto Legislativo 231/2001 e/o nell’ambito della Legge 190/2012 anticorruzione;

• nell’ambito dei sistemi di gestione;

• di risk assessment, risk management, due diligence.

Lo Staff di ConsulenzaCertificazioneISO37001.it by MODI è disponibile al numero verde 800300333 per consulenze circa l'adozione di un Sistema di Gestione anticorruzione ISO 37001:2016.

La nostra metodologia di applicazione della norma ISO 37001:2016, permette di far contenere ai Cliente i tempi e i costi di realizzazione.

MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzacertificazioneiso37001.it 



Il Responsabile e Contitolare del Trattamento

Il Contitolare del Trattamento è una persona fisica o giuridica, che affianca il Titolare e a cui competono diverse responsabilitàdecise tramite accordo interno (art. 26).

L’accordo tra le parti, redatto in forma libera, deve riflettere in modo puntuale i ruoli reciproci (art. 26.2), il riparto degli obblighi previsti dal Regolamento (art. 26.1), il rapporto reciproco nel
confronto degli interessati (art. 26.2), come ad esempio in materia di riscontro e di fornitura
dell’informativa (art. 26.1) e sebbene non direttamente accessibile nella sua totalità deve essere conosciuto dall’interessato il contenuto essenziale ma risulta inopponibile all’interessato che può rivolgersi a chi vuole.

Il Responsabile del Trattamento – Data Processor rappresenta una funzione di sostegno operativo per il Titolare.

E’ necessario che sia un soggetto affidabile che presenti garanzie sufficienti per mettere in atto misure tecniche e organizzative adeguate in modo che il trattamento soddisfi il GDPR. Tratta i dati personali soltanto su istruzione documentata del titolare del trattamento, anche in caso di trasferimento di dati personali verso un paese terzo o un'organizzazione internazionale.
Il Responsabile del Trattamento garantisce che le persone autorizzate al trattamento dei dati
personali (INCARICATI ex 196/2003) si siano impegnate alla riservatezza o abbiano un adeguato obbligo legale di riservatezza (LETTERA DI INCARICO ex 196/2003) tenendo conto della natura del trattamento, assista il titolare del trattamento con misure tecniche e organizzative adeguate, nella misura in cui ciò sia possibile, al fine di soddisfare l'obbligo del titolare del trattamento di dare seguito alle richieste per l'esercizio dei diritti dell'interessato di cui al capo III;
Il Responsabile del Trattamento adotta tutte le misure richieste ai sensi dell'articolo 32 e assiste il titolare nel garantire il rispetto degli obblighi di cui agli articoli da 32 a 36, tenendo conto della natura del trattamento e delle informazioni a disposizione del responsabile del trattamento.
Su scelta del titolare del trattamento, cancella o gli restituisce tutti i dati personali dopo che è terminata la prestazione dei servizi relativi al trattamento e cancella le copie esistenti mette a disposizione del titolare del trattamento tutte le informazioni necessarie per dimostrare il rispetto degli obblighi di cui al presente articolo e consenta e contribuisca alle attività di revisione, comprese le ispezioni, realizzati dal titolare del trattamento o da un altro soggetto da questi incaricato (AUDIT PRIVACY PERIODICI).

Non ricorre ad un altro responsabile senza previa autorizzazione scritta, specifica o generale, del titolare del trattamento. Nel caso di autorizzazione scritta generale, il responsabile del trattamento informa il titolare del trattamento di eventuali modifiche previste riguardanti l'aggiunta o la sostituzione di altri responsabili del trattamento, dando così al titolare del trattamento l'opportunità di opporsi a tali modifiche

Se il secondo Responsabile omette di adempiere agli obblighi in materia di protezione dei dati, è comunque il primo Responsabile che ne risponde al Titolare.

Se un Responsabile determina le finalità ed i mezzi del trattamento, è considerato titolare del trattamento in questione.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it


Con il Regolamento Privacy 679/2016 sarà possibile avere diritto all’obblio?

Con il Regolamento Privacy 679/2016 sarà possibile avere diritto all'obblio?


Con l’applicazione da parte in tutti gli Stati Membri del regolamento Privacy 679, ogni individuo potrà richiedere la cancellazione dei propri dati in possesso di terzi (per motivazioni legittime) come previsto dall’art. 17 del GDPR. 

Questo potrà accadere ad esempio in ambito web quando un utente richiederà l’eliminazione dei propri dati in possesso di un social network o di altro servizio web.

Lo staff tecnico di MODI SRL di Spinea, Mestre Venezia, analizza, valuta e disciplina la gestione del trattamento dei dati personali e della salvaguardia degli stessi all’interno dell'azienda Cliente, secondo le direttive imposte dalle normative vigenti.

Per informazioni 800300333 https://www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.



Quali sono le disposizioni generali e iprincipi de Regolamento GDPR UE 679/16?


Quali sono le disposizioni generali e iprincipi de Regolamento GDPR UE 679/16?

Il Regolamento 679/16 si apre con alcune disposizioni generali, suddivise in 2 CAPI:

"Disposizioni" generali che comprendono gli articoli da 1 a 4 e sono dedicate a individuare:

• oggetto e finalità del Regolamento;
• ambito di applicazione per materia;
• ambito di applicazione per territorio;
• definizioni.

Disposizioni generali (art. 1, 2, 3)
Il titolare/beneficiario del diritto alla protezione dei dati è la persona fisica.

Il regolamento non disciplina il trattamento dei dati personali relativi a persone giuridiche, compresi il nome e la forma della persona giuridica e i suoi dati di contatto
(considerando n. 14);

Il regolamento non si applica ai trattamenti di dati personali solo quando si è in presenza di trattamento per finalità esclusivamente personali o domestiche (art,2, co. 2, lett. c ); considerando n. 18 e 27)
La libera circolazione dei dati personali nell’Unione non può essere limitata né vietata per motivi attinenti alla tutela non armonizzata delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali.

Il trattamento può essere interamente, parzialmente o non automatizzato.
Per il trattamento dei dati effettuato da istituzioni, organi, uffici e agenzie dell’Unione, si applica il Regolamento 45/2001.

Il Regolamento si applica per il trattamento:
-    Effettuato dal soggetto stabilito nell’UE, anche se il trattamento è effettuato extra UE

-    Di interessati che si trovano in territorio UE, se
•    il trattamento riguarda offerta di beni e servizi o
•    se vi è il monitoraggio del comportamento dell’interessato


Si rilevano due argomenti strettamente legati:

Tutela delle persone con riguardo al trattamento dei dati   +    circolazione dei dati.


La protezione dei diritti della persona è obiettivo da garantire soprattutto quando il dato personale passa “di mano in mano”.

Gli stessi “considerando” del Regolamento ritengono opportuno che le persone fisiche debbano avere il controllo dei dati personali.

La circolazione delle informazioni è elemento necessario dello sviluppo e del progresso economico.

E "Principi" che comprendono gli articoli da 5 a 11 e disciplinano:

• principi generali;
• liceità;
• consenso;
• consenso dei minori;
• particolari categorie di dati;
• trattamenti relativi a condanne penali e reati.
  
Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato. 

Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.

Il D.Lgs. 81/08 prevede un percorso formativo dedicato per il personale che fa parte della Squadra Antincendio Aziendale.

Il D.Lgs. 81/08 prevede un percorso formativo dedicato per il personale che fa parte della Squadra Antincendio Aziendale.I lavoratori che hanno ricevuto l’incarico dell’attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, devono ricevere un’adeguata e specifica formazione.

MODI SRL organizza corsi presso la sede del Cliente in Veneto e nel Nord Est e utilizzando proprie aule o sedi a Mestre, Spinea, Marghera, Marcon, Treviso, Padova, Pordeonone, Vicenza ecc.

La frequenza a un Corso Antincendio, in base alla classe di rischio di appartenenza dell’azienda, è indicato dall’All. 9 del Dm 10/03/98 e  può essere di rischio/livello/tipo:

    Basso (4 ore),
    Medio (8 ore);
    Alto (16 ore).

I contenuti sono strutturati in modo tale da essere utili ad aziende di qualsiasi settore produttivo e conformi a quanto indicato nel D.M. 10/03/98 (formazione antincendio nei luoghi di lavoro).

In base agli aggiornamenti periodici richiesti dal D.Lgs. 81/08, si suggerisce di effettuare ogni 3 anni l’aggiornamento antincendio della durata di 2 ore per gli addetti a rischio basso e di 5 ore per i rischio medio.

E’ previsto lo svolgimento di test teorici e pratici, per valutare le conoscenze acquisite durante il corso; verrà rilasciato un attestato di partecipazione/formazione a chi li supererà con successo.

I corsi MODI sono raccamonadati dagli stessi partecipanti.

Quando c'è soddisfazione per un prodotto o un servizio acquistato viene "naturale" parlarne bene con i propri amici, colleghi, Clienti ecc.

l passaparola tra gli utilizzatori è un'arma vincente per qualsiasi attività commerciale per trovare nuovi Clienti.

Per lo stesso motivo, trovare in rete delle recensioni positive, dei  commenti, dei post, delle valutazioni a cinque stelle sui servizi e corsi da offerti da MODI risulta essere per la nostra Organizzazione un valore aggiunto.

Saper monitorare ciò che viene detto dai consumatori ci permette di migliorare i nostri servizi, nonché apportare significative evoluzione all’interno del contesto del customer care.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it

Documentazione delle violazioni dei dati personali subite

Secondo il Regolamento UE 679/16, tutti i titolari di trattamento dei dati privacy dovranno in ogni caso documentare le violazioni di dati personali subite, anche se non notificate all'autorità di controllo e non comunicate agli interessati, nonché le relative circostanze e conseguenze e i provvedimenti adottati (si veda art. 33, paragrafo 5); tale obbligo non è diverso, nella sostanza, da quello attualmente previsto dall'art. 32-bis, comma 7, del Codice. Si raccomanda, pertanto, ai titolari di trattamento di adottare le misure necessarie a documentare eventuali violazioni, essendo peraltro tenuti a fornire tale documentazione, su richiesta, al Garante in caso di accertamenti.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. è disponibile al numero verde 800300333. MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it
 
 

Il regolamento UE 679/2016 è composto di 99 articoli suddivisi in 11 Capi.

Il regolamento UE 679/2016 è composto di 99 articoli suddivisi in 11 Capi.

Il Regolamento 679/2016 sulla protezione dei dati è l’innovazione più significativa apportata negli ultimi anni in materia di protezione dei dati personali, non solo a livello dell’ Unione Europea ma a livello globale.

A partire dal 25 maggio 2018, Qualsiasi organizzazione che utilizza e gestisca le informazioni personali dei residenti nell’UE, dovrà adattarsi alla nuova normativa GDPR in materia di trattamento dei dati, personali, sicurezza delle informazioni, processi di conformità e relazioni contrattuali.

Il regolamento UE 679/2016 è composto di 99 articoli suddivisi in 11 Capi che sono:
– Capo I – Disposizioni generali
– Capo II – Principi
– Capo III – Diritti dell’interessato
– Capo IV – Titolare del trattamento e responsabile del trattamento
– Capo V – Trasferimenti di dati personali verso paesi terzi o organizzazioni internazionali
– Capo VI – Autorità̀ di controllo indipendenti
– Capo VII – Cooperazione e coerenza
– Capo VIII – Mezzi di ricorso, responsabilità̀ e sanzioni
– Capo IX – Disposizioni relative a specifiche situazioni di trattamento
– Capo X – Atti delegati e atti di esecuzione
– Capo XI – Disposizioni finali

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.
Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.

Titolare del Trattamento – Data controller


Il Titolare del Trattamento – Data controller è una persona fisica o giuridica, cui competono tutte le responsabilità in merito ad un corretto trattamento di dati personali e mette in atto misure tecniche e organizzative adeguate per garantire che il trattamento sia effettuato conformemente al regolamento europeo. 

Per i dati particolari (biometrici, sanitari, etc.) il Titolare del Trattamento – Data controller ha l’obbligo di adottare ulteriori e più incisive misure di protezione e quello di dimostrare, in caso di ispezioni, il rispetto delle indicazioni del regolamento.

Il Titolare del Trattamento – Data controller decide e programma le misure di sicurezza:
- adotta tecniche di privacy by design e by default (art. 25)
- effettua la valutazione d’impatto (art. 35)
- effettua la consultazione preventiva (art. 36)

Attua le misure di sicurezza:

- Predispone misure tecniche ed organizzative adeguate (art. 24.1)
- Verifica ed aggiorna periodicamente le misure tecniche ed organizzative adottate
(art. 24.1)
- Si dota di policy interne (art. 24.2)
- Adotta codici di condotta (art. 40)
- Si munisce di certificazioni (art. 42)

Il titolare del trattamento si deve attenere ai doveri di correttezza per l’intera durata del trattamento.

Si deve conformare a principi di trasparenza e responsabilizzazione-accountability (art. 5.2).
Deve scegliere consapevolmente i soggetti che ricoprono i ruoli subalterni e li deve istruire.

Il titolare del trattamento designa i Responsabili con garanzie sufficienti in termini di sicurezza (art. 24.1-28.1)
- Designa il Data Protection Officer (se dovuto) scegliendolo tra soggetti che hanno esperienza e professionalità, anche sotto il profilo applicativo (art. 38.2).
Il titolare del trattamento fornisce informazioni adeguate al personale che tratta i dati (art. 29).

Il titolare del trattamento nel caso di violazione dei dati:
- Pone in essere misure effettive e tempestive
- Procede alla notificazione al Garante (art. 33)
- Procede alla comunicazione all’interessato/i (art. 34)

Per la garanzia dei diritti dell’interessato il titolare del trattamento:
  • fornisce l’informativa adeguata (artt. 13 e 14)
  • si dota di idonea organizzazione per riscontrare tempestivamente le istanze dell’interessato (art. 12.3) 
  • Si deve dotare anche di idonea organizzazione per permettere l’esercizio dei diritti riconosciuti all’interessato (artt. 15 e 22)
Il Titolare deve collaborare con i soggetti preposti al controllo e cooperare con l’autorità Garante (artt. 31 e 58.1) e con gli organismi indipendenti di Certificazione (art. 42.6)

Deve "lavorare" con il Data Protection Officer (art. 38.1) fornendolo dei mezzi, delle informazioni e degli accessi necessari a realizzare la sua attività (art. 38.2), pur senza interferire con istruzioni nello svolgimento dei suoi compiti (art. 38.3)

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it

Il regolamento UE 679/2016 è composto di 99 articoli suddivisi in 11 Capi.


Il regolamento UE 679/2016 è composto di 99 articoli suddivisi in 11 Capi.

Il Regolamento 679/2016 sulla protezione dei dati è l’innovazione più significativa apportata negli ultimi anni in materia di protezione dei dati personali, non solo a livello dell' Unione Europea ma a livello globale.

A partire dal 25 maggio 2018, Qualsiasi organizzazione che utilizza e gestisca le informazioni personali dei residenti nell'UE, dovrà adattarsi alla nuova normativa GDPR in materia di trattamento dei dati, personali, sicurezza delle informazioni, processi di conformità e relazioni contrattuali.
 
Il regolamento UE 679/2016 è composto di 99 articoli suddivisi in 11 Capi che sono:

-    Capo I - Disposizioni generali
-    Capo II – Principi
-    Capo III - Diritti dell'interessato
-    Capo IV - Titolare del trattamento e responsabile del trattamento
-    Capo V - Trasferimenti di dati personali verso paesi terzi o organizzazioni internazionali
-    Capo VI - Autorità̀ di controllo indipendenti
-    Capo VII - Cooperazione e coerenza
-    Capo VIII - Mezzi di ricorso, responsabilità̀ e sanzioni
-    Capo IX - Disposizioni relative a specifiche situazioni di trattamento
-    Capo X - Atti delegati e atti di esecuzione
-    Capo XI - Disposizioni finali



Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato. 

Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.




Notifica delle violazioni di dati personali secondo il Regolamento UE 67/2016

A partire dal 25 maggio 2018, tutti i titolari – e non soltanto i fornitori di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico, come avviene oggi – dovranno notificare all'autorità di controllo le violazioni di dati personali di cui vengano a conoscenza, entro 72 ore e comunque "senza ingiustificato ritardo", ma soltanto se ritengono probabile che da tale violazione derivino rischi per i diritti e le libertà degli interessati (si veda considerando 85). Pertanto, la notifica all'autorità dell'avvenuta violazione non è obbligatoria, essendo subordinata alla valutazione del rischio per gli interessati che spetta, ancora una volta, al titolare. Se la probabilità di tale rischio è elevata, si dovrà informare delle violazione anche gli interessati, sempre "senza ingiustificato ritardo"; fanno eccezione le circostanze indicate al paragrafo 3 dell'art. 34, che coincidono solo in parte con quelle attualmente menzionate nell'art. 32-bis del Codice. I contenuti della notifica all'autorità e della comunicazione agli interessati sono indicati, in via non esclusiva, agli artt. 33 e 34 del regolamento. Su questo e su tutta la disciplina in materia, il Comitato europeo della protezione dati(si veda art. 70, paragrafo 1, lettere g) e h) ) è chiamato a formulare linee-guida specifiche, alle quali sta già lavorando il Gruppo "Articolo 29". Nel sito del Gartante della Privacy viene ricordato, inoltre, che l'Autorità ha messo a disposizione un modello per la notifica dei trattamenti da parte dei fornitori di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico (si veda http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1915835) che intende rielaborare al fine di renderlo utilizzabile da tutti i titolari di trattamento secondo quanto prevede il regolamento.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. è disponibile al numero verde 800300333. MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it
 
 

Marchio di qualità per i siti web che rispettano la privacy degli utenti.

Il 67% dei siti e delle app non rivela agli utenti dove sono conservati i loro dati personali, e il 51% non chiarisce se e con chi vengono condivise le informazioni. Policy generiche, imprecise e prive di dettagli, e nel 44% dei casi agli utenti non sono neanche comunicate le modalità di accesso per l'esercizio dei loro diritti. Pubblicato codice di condotta per aziende virtuose che possono attestare il proprio impegno a rispettare la privacy online degli utenti mediante un marchio di qualità. Ferrero la prima ad avere ottenuto il bollino "Privacy Ok".

Leggi tutto...

Quando parliamo di dato personale che cosa intendiamo?


Quando parliamo di dato personale che cosa intendiamo?

Per DATO PERSONALE intendiamo qualsiasi "informazione" relativa a persone fisiche identificate o identificabili, cioè che possono anche essere identificate da altre informazioni, come un numero o un codice di identificazione.

Questi sono, ad esempio, dati personali:
• Nome, cognome e soprannome
• Indirizzo di casa
• Registrazione vocale
• Impronta digitale
• Conto bancario
• etc.


Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it