Chi è il preposto?


Il preposto è una persona dotata dell’esperienza e delle competenze necessarie che, nei limiti dei poteri funzionali e gerarchici adeguati all’incarico conferitogli, sovrintende alle attività lavorative e garantisce l’attuazione delle direttive, controllando la loro corretta esecuzione ed esercitando un funzionale potere di iniziativa. Ha collocazione autonoma all’interno della struttura aziendale.

Il Preposto deve assicurarsi che i lavoratori osservino gli obblighi di legge e le disposizioni aziendali e controllare che solo i lavoratori adeguatamente formati accedano ai luoghi a maggior rischio. 

I preposti devono richiedere il rispetto delle misure in caso di emergenza e dare istruzioni, informando tempestivamente i lavoratori in caso di pericolo grave e immediato e valutare di non richiedere a questi di riprendere l’attività in una situazione in cui persista il pericolo. 

Il preposto è tenuto a  segnalare al Datore di Lavoro o al Dirigente i problemi e le condizioni di pericolo. Il Preposto deve ricevere specifica formazione.
 

MODI S.R.L. in qualità di Centro di Formazione AIFOS organizza nelle aule corsi di Mestre, Spinea, Marghera Venezia, corsi per preposti.

A distanza/al PC e cioè con i corsi online i preposti possono seguire i corsi di aggiornamento obbligatorio da farsi ogni 5 anni. Vasta offerta formativa anche per lavoratori, dirigenti, preposti, addetti al primo soccorso, antincendio, incaricati uso attrezzature di lavoro (gru, carrelli, PLE, ecc.).

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.



MODI S.r.l. organizzza corsi aziendali per lavoratori che operano in ambienti confinati.


Per spazio confinato si intende “uno spazio circoscritto in cui il pericolo di infortunio grave o morte è molto elevato, a causa della presenza di sostanze, agenti chimici pericolosi o condizioni di pericolo” (ad es. mancanza di ossigeno). MODI S.r.l. organizza corsi aziendali per lavoratori che operano in ambienti confinati che sono facilmente identificabili per la presenza di aperture di dimensioni ridotte e limitata ventilazione, come nel caso di:
  • serbatoi;
  •  silos;
  •  recipienti adibiti a reattori;
  •  sistemi di drenaggio chiusi;
  •  reti fognarie.
Possono essere considerati spazi confinati anche altri ambienti in virtù delle specifiche modalità di svolgimento dell’attività lavorativa o influenze provenienti dall’ambiente circostante, come ad esempio:
  •  camere con aperture in alto,
  •  vasche,
  •  depuratori,
  •  camere di combustione nelle fornaci e simili, canalizzazioni varie,
  •  ambienti con ventilazione insufficiente o assente.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari sugli "ambienti confinati" o sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro intesa a 360° chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


Cosa significa valutare i rischi nei luoghi di lavoro?


 La valutazione dei rischi è un obbligo indelegabile dei Datori di Lavoro ed è effettuata in collaborazione con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e con il Medico Competente (nei casi in cui sia obbligatoria la sorveglianza sanitaria), previa consultazione del Rappresentante del Lavoratori per la Sicurezza.

La valutazione dei rischi prevede un’analisi dettagliata dei luoghi di lavoro e comporta la valutazione di tutti i rischi per la salute e per la sicurezza dei Lavoratori, l’eliminazione e/o la riduzione dei rischi, la programmazione della prevenzione, la predisposizione di misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato.
Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) rappresenta la mappatura dei rischi nei luoghi di lavoro presenti in un’azienda. Il DVR, secondo l’art. 18 del D.Lgs. 81/2008, è quel documento che serve per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro e dimostrare agli organi di controllo l’avvenuta valutazione dei rischi per tutelare la salute dei lavoratori. 

La redazione del DVR deve seguire criteri precisi e deve possedere dei requisiti specifici; in particolare deve contenere una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa e tutti gli interventi per eliminare, ridurre o controllare i rischi e i pericoli presenti all’interno dei luoghi di lavoro. Nel DVR deve essere esplicita l’indicazione del nominativo del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.) o di quello territoriale e del Medico Competente (ove previsto).

Queste figure devono essere consultate durante la valutazione dei rischi e per la stesura del DVR dal Datore di Lavoro e devono partecipare alla riunione periodica prevista dall’art. 35 del D. Lgs 81/08 per la discussione dei problemi inerenti la sicurezza aziendale. Il Documento di Valutazione dei Rischi è obbligatorio per tutte le aziende con almeno un dipendente e deve essere aggiornato qualora vi siano modifiche all’organizzazione aziendale o al processo produttivo tali da poter influire sullo stato di salute e sulla sicurezza dei lavoratori, o a seguito di gravi infortuni oppure se il medico competente ne rileva la necessità. Dopo la rielaborazione del testo, le misure di sicurezza e prevenzione vanno aggiornate di conseguenza. La valutazione dei rischi da parte dei Datori di Lavoro e la realizzazione dei conseguenti documenti è uno degli elementi di più grande rilevanza del D.Lgs 81/08.

I nostri tecnici qualificati restano a disposizione per chiarimenti e per un sopralluogo gratuito presso l'Azienda. Per un preventivo sulla valutazione dei rischi aziendali chiamateci al numero verde 800300333 raggiungibile gratis anche da mobile. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it

MODI assume incarico di DPO: DATA PROTECTION OFFICER ovvero Responsabile della protezione dei dati e garantisce la corretta gestione dei dati personali


Il "Responsabile della protezione dei dati" altrimenti detto Data Protection Officer, o DPO) è un consulente, esperto e qualificato, che affianca il titolare nella gestione delle questioni connesse al trattamento dei dati personali e lo aiuta a rispettare la normativa vigente

L'utilizzo del termine inglese "Data Protection Officer" e del relativo acronimo DPO) è stato introdotto in Italia dal Regolamento europeo GDPR 2016/679.

Il ruolo del DPO non è lo stesso del "Responsabile del Trattamento dei dati", che è il soggetto che affianca per compiti e responsabilità il "Titolare" stesso.

Per evitare confusione e sottolineare la distinzione il termine DPO si è maggiormente diffuso, 

Il DPO è una figura che viene nominata dal Titolare o dal Responsabile del trattamento e che può essere selezionata tra gli stessi dipendenti del titolare del trattamento, oppure può essere un libero professionista, esterno e autonomo, appositamente incaricato di svolgere questo ruolo in forza di un contratto di servizi.
.
MODI è presente come DPO in aziende che hanno sede in Veneto e nelle città di Venezia, Treviso, Padova, Vicenza, Rovigo, Belluno. Le sedi operative sono a Mestre e Spinea.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


La norma UNI ISO 37001 – Anti-Bribery Management Systems, pubblicata nel 2016 è importante nella prevenzione e contrasto alla corruzione.

La norma UNI ISO 37001 si applica esclusivamente alla corruzione.

La norma UNI ISO 37001:2016 definisce i requisiti e fornisce una linea guida per aiutare un’Organizzazione  prevenire, individuare, rispondere a fenomeni di corruzione.
   
Adeguarsi e conformarsi alla legislazione anti-corruzione ed assumere altri impegni volontari applicabili alle proprie attività è molto importante.

I requisiti della UNI ISO 37001 sono generali e applicabili a qualunque Azienda (o parte di essa), indipendentemente da tipologia, dimensione e natura dell’attività.

La conformità alla ISO 37001 non può fornire la garanzia che all’interno dell’organizzazione non si sono verificati episodi di corruzione o che non se ne possano verificare, in quanto non è possibile eliminare completamente il rischio di corruzione. 

Tuttavia, l'applicazione della norma ISO 37001:2016 può aiutare l’Organizzazione ad attuare misure ragionevoli e proporzionate volte a prevenire, rilevare e rispondere alla corruzione.

Adottare un Sistema di Gestione ISO 37001:2016 significa ottenere:
•    maggiore tutela contro i potenziali reati di corruzione;
•    attenuare o eliminare il rischio di corruzione nella tua azienda;
•    ridurre la perdita di competitività sul mercato.

 MODI  dal 1998 offre un servizio completo e affidabile di consulenza e raccomandato dagli stessi Clienti.  Per visionare le recensioni sui nostri servizi cliccare qui.

Per mezzo di Check up i nostri tecnici identificano il rischio di corruzione dell'Azienda che si avvicina al percorso di implentazione per il raggiungimento della Certificazione ISO 37001.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


Privacy – trasferimento dei Dati tra Europa e USA: Cos’è il Privacy Shield?


Il Privacy Shield è un importante provvedimento che tutela i diritti fondamentali dei cittadini dell’Unione Europea i cui dati personali sono trasferiti verso gli Stati Uniti.

Grazie a questo scudo le autorità americane non potranno più avere un accesso illimitato ai nostri dati e saranno sottoposte a controlli rigorosi.

Per consulenze privacy, assunzione incarico di DPO in esterno, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it


Partecipa al corso per addetti al Primo Soccorso date: 15, 17, 24 e 29 Aprile 2019 dalle 14.00 alle 18.00 aula corsi Mestre centro con parcheggio!


Iscrizioni aperte al corso per addetti al Primo Soccorso date: 15, 17, 24 e 29 Aprile 2019 dalle 14.00 alle 18.00 aula corsi Mestre centro con parcheggio!

A Mestre abbiamo in programmazione presso la nostra aula corsi di (Via Volturno 4/e fermata tram/bus Volturno con parcheggi gratis limitrofi), corsi della durata di 16 ore per tutto il personale aziendale che compone la squadra di primo soccorso. Gli ultimi posti sono scontati del 20%!

PROGRAMMA dell'attività didattica:

Parte generale: la legislazione
  • Ruolo del lavoratore adibito al primo soccorso secondo il D.Lgs 81;
  • Gestione del pronto soccorso secondo il D.Lgs. 81/2008 e 388/03;
  • Il ruolo del medico competente;
  • Come organizzarsi, quali informazioni dare ai lavoratori;
  • Quali sono le responsabilità del soccorritore.
Parte speciale: i materiali:
  • Conoscenza di base dei materiali;
  • Uso corretto dei disinfettanti;
  • Cautele per la protezione del soccorritore.
Parte pratica: gli interventi:
  • Allertare il sistema di soccorso;
  • Riconoscere un'emergenza sanitaria;
  • Attuare gli interventi di primo soccorso;
  • Conoscere i rischi specifici dell'attività svolta;
  • Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro;
  • Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro;
Date: 15, 17, 24 e 29 Aprile 2019 dalle 14.00 alle 18.00

Quota di partecipazione: € 180,00 + IVA per persona VIENE scontato del 20%.

Ogni sede aziendale (uffici, cantieri temporanei, magazzini, …) deve essere presidiata da un numero sufficiente di addetti alprimo soccorso.

Per prendere visione delle  recensioni dei nostri corsisti cliccare alla pagina DICONO DI NOI.


Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it

Consulenza alle organizzazioni per applicare il Regolamento UE GDPR 2016/679.

Le organizzazioni hanno a disposizione pochi mesi per conformarsi al nuovo regolamento 679/16.
Entro il 24/05/18 per non incorrere in sanzioni!

Entro il 24 maggio 2018, tutte le aziende di Europa dovranno adeguarsi al nuovo REGOLAMENTO EUROPEO PRIVACY UE 2016/679.

Il Regolamento generale sulla protezione dei dati è l’innovazione più significativa apportata negli ultimi anni in materia di protezione dei dati personali, non solo a livello dell’ Unione Europea ma a livello globale.

Qualsiasi organizzazione che gestisca le informazioni personali dei residenti nell’UE, a partire dal 25 maggio 2018, dovrà adattarsi alla nuova normativa in materia di trattamento dei dati, personali, sicurezza delle informazioni, processi di conformità e relazioni contrattuali.

La Società di Consulenza e formazione MODI SRL a primavera del 2017 a iniziato ad accompagnare i Clienti storici nella transizione legata all’ adozione del regolamento europeo, applicando una metodologia che permette di comprimere i tempi e i costi della consulenza senza impatti negativi sulle risorse operative interne all’azienda.

La nostra azienda si occupa di consulenza di organizzazione aziendale dal 1998 e gestisce tutte le attività necessarie a un’impresa per adeguarsi alla normativa vigente privacy,adottare un sistema di gestione qualità, ambiente, Sicurezza e di modelli di organizzazione e gestione 231.

Lo Staff di Consulenza Privacy Regolamento UE679.it by MODI è in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it

Quali sono i rischi per la salute e la sicurezza che si vogliono prevenire?

In generale i rischi che la legislazione intende prevenire sono quelli per la salute e la sicurezza che possono derivare dall’esposizione alle radiazioni ottiche artificiali o dal loro impiego durante il lavoro, con particolare riguardo ai rischi dovuti agli effetti nocivi riguardanti essenzialmente due organi bersaglio: l’occhio in tutte le sue parti e la cute.
La tipologia di effetti dell’esposizione dipende dalla lunghezza d’onda della radiazione incidente, mentre dall’intensità dipendono sia la possibilità che questi effetti si verifichino che la loro gravità.
L’interazione della radiazione ottica con l’occhio e la cute può provocare conseguenze dannose.
Oltre ai rischi per la salute dovuti all’esposizione diretta alle radiazioni ottiche artificiali esistono ulteriori rischi indiretti, quali:
  • sovraesposizione a luce visibile: disturbi temporanei visivi, quali abbagliamento, accecamento temporaneo;
  • rischi di incendio e di esplosione innescati dalle sorgenti stesse e/o dal fascio di radiazione;
  • inoltre sono presenti ulteriori rischi associati alle apparecchiature/lavorazioni che utilizzano ROA quali stress termico, contatti con superfici calde, rischi di natura elettrica, ecc.
    Poiché le sorgenti laser possono generare radiazioni di elevatissima intensità, i danni conseguenti possono risultare estremamente gravi.
    Per alcuni tipi di sorgenti laser vanno presi in considerazione anche rischi di natura chimica e biologica (nei laser a coloranti, nei fumi, aerosol e polveri associati all’impiego), rischi correlati all’uso di sistemi criogenici (es
    .: dovuti ai gas di raffreddamento della sorgente) e di radiazioni collaterali (ionizzanti e ottiche) concomitanti al funzionamento della sorgente stessa.

MODI S.r.l. organizza corsi aziendali per lavoratori che operano in presenza di Radiazioni Ottiche Artificiali.

Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui. 
Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.

Con la Decisione n. 768/2008/CE e Regolamento (CE) n. 765/2008 si stabiliscono i principi generali della normativa di armonizzazione. Come applicare al meglio il Regolamento Generale sulla protezione dei dati GDPR dell’UE?

Con la Decisione n. 768/2008/CE e Regolamento (CE) n. 765/2008 si stabiliscono i principi generali della normativa di armonizzazione. Come applicare al meglio il Regolamento Generale sulla protezione dei dati GDPR dell’UE?

Per l’Italia la guida all’applicazione del Regolamento è disponibile sul sito del Garante www.garanteprivacy.it in formato ipertestuale navigabile.

La Guida traccia un quadro generale delle principali innovazioni introdotte dalla normativa e fornisce indicazioni utili sulle prassi da seguire e gli adempimenti da attuare per dare corretta applicazione alla normativa, già in vigore dal 24 maggio 2016 e che sarà pienamente efficace dal 25 maggio 2018.

L’obiettivo della Guida è duplice: da una parte offrire un primo “strumento” di ausilio ai soggetti pubblici e alle imprese che stanno affrontando il passaggio alla nuova normativa privacy; dall’altro far crescere la consapevolezza sulle garanzie rafforzate e sui nuovi importanti diritti che il Regolamento riconosce alle persone.

Il testo della Guida è articolato in 6 sezioni tematiche:
• Fondamenti di liceità del trattamento;
• Informativa;
• Diritti degli interessati;
• Titolare, responsabile, incaricato del trattamento;
• Approccio basato sul rischio del trattamento e misure di accountability di titolari e responsabili;
• Trasferimenti internazionali di dati.

Ogni sezione illustra in modo semplice e diretto cosa cambierà e cosa rimarrà immutato rispetto all’attuale disciplina del trattamento dei dati personali, aggiungendo preziose raccomandazioni pratiche per una corretta implementazione delle nuove disposizioni introdotte dal Regolamento.

Lo Staff di Consulenza Privacy Regolamento UE679.it by MODI è in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it

Il Responsabile della protezione dei dati privacy e il DPO sono la stessa persona? Può essere un Consulente esterno?



Il responsabile della protezione dei dati (altrimenti detto Data Protection Officer, o DPO) è un consulente, esperto e qualificato, che affianca il titolare nella gestione delle questioni connesse al trattamento dei dati personali e lo aiuta a rispettare la normativa vigente

Il "DPO" viene introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento dal GDPR, ma già diffuso in altri Stati europei, il cui ruolo è diverso e va tenuto distinto da quello del "Responsabile del trattamento dei dati" 

Il DPO è il soggetto che affianca per compiti e responsabilità il titolare stesso (e proprio per facilitare questa distinzione ed evitare confusione si preferisce, e si è maggiormente diffuso, l'utilizzo del termine inglese Data Protection Officer e del relativo acronimo DPO).

Il DPO è una figura che viene nominata dal titolare o dal responsabile del trattamento e che può essere selezionata tra gli stessi dipendenti del titolare del trattamento, oppure può essere un libero professionista, esterno e autonomo, appositamente incaricato di svolgere questo ruolo in forza di un contratto di servizi. MODI assume l'incario di DPO in aziende in Veneto. MODI è presente nelle città di Venezia, Treviso, Padova, Vicenza, Rovigo, Belluno. Le sedi operative sono a Mestre e Spinea.

Per le recensioni cliccare alla pagina DICONO DI NOI.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


E’ il D.lgs. 81/2008 che in Italia regolamenta la sicurezza del lavoratrori

In sintesi il decreto da disposizioni in materia di igiene e sicurezza del lavoro e regolamenta l’uso:

delle attrezzature di lavoro;
dei dispositivi di protezione individuale;
degli impianti e delle apparecchiature elettriche;
attrezzature munite di videoterminale.

Dispone la valutazione di tutti i rischi, compresi quelli connessi a:

movimentazione manuale dei carichi;
agenti fisici (rumore, vibrazioni, esposizione a radiazione ottiche artificiali);
agenti chimici e sostanze pericolose;
agenti cancerogeni, mutageni e biologici;
amianto.

Stabilisce le sanzioni alle inadempienze di:

datore di lavoro e dirigenti;
preposti;
lavoratori;
medico competente.

Per le recensioni sui nostri servizi di consulenza e corsi di formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro cliccare alla pagina DICONO DI NOI.

Per consulenze in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, iscrizione ai corsi che organizziamo a Mestre, Marghera, Venezia, Trevisiso e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.




FAQ sul registro delle attività di trattamento – quali informazioni deve contenere?


Il Regolamento individua dettagliatamente le informazioni che devono essere contenute nel registro delle attività di trattamento del titolare (art. 30, par. 1 del RGPD) e in quello del responsabile (art. 30, par. 2 del RGPD).
  •  nel campo “finalità del trattamento” oltre alla precipua indicazione delle stesse, distinta per tipologie di trattamento (es. trattamento dei dati dei dipendenti per la gestione del rapporto di lavoro; trattamento dei dati di contatto dei fornitori per la gestione degli ordini), sarebbe opportuno indicare anche la base giuridica dello stesso (v. art. 6 del RGPD; in merito, con particolare riferimento al “legittimo interesse”, si rappresenta che il registro potrebbe riportare la descrizione del legittimo interesse concretamente perseguito, le “garanzie adeguate” eventualmente approntate, nonché, ove effettuata, la preventiva valutazione d’impatto posta in essere dal titolare (v. provv. del Garante del 22 febbraio 2018 – [doc web n. 8080493]). Sempre con riferimento alla base giuridica, sarebbe parimenti opportuno: in caso di trattamenti di “categorie particolari di dati”, indicare una delle condizioni di cui all’art. 9, par. 2del RGPD; in caso di trattamenti di dati relativi a condanne penali e reati, riportare la specifica normativa (nazionale o dell’Unione europea) che ne autorizza il trattamento ai sensi dell’art. 10 del RGPD;
  • nel campo “descrizione delle categorie di interessati e delle categorie di dati personali” andranno specificate sia le tipologie di interessati (es. clienti, fornitori, dipendenti) sia quelle di dati personali oggetto di trattamento (es. dati anagrafici, dati sanitari, dati biometrici, dati genetici, dati relativi a condanne penali o reati, ecc.);
  • nel campo “categorie di destinatari a cui i dati sono stati o saranno comunicati” andranno riportati, anche semplicemente per categoria di appartenenza, gli altri titolari cui siano comunicati i dati (es. enti previdenziali cui debbano essere trasmessi i dati dei dipendenti per adempiere agli obblighi contributivi). Inoltre, si ritiene opportuno che siano indicati anche gli eventuali altri soggetti ai quali – in qualità di responsabili e sub-responsabili del trattamento– siano trasmessi i dati da parte del titolare (es. soggetto esterno cui sia affidato dal titolare il servizio di elaborazione delle buste paga dei dipendenti o altri soggetti esterni cui siano affidate in tutto o in parte le attività di trattamento). Ciò al fine di consentire al titolare medesimo di avere effettiva contezza del novero e della tipologia dei soggetti esterni cui sono affidate le operazioni di trattamento dei dati personali;
  • nel campo “trasferimenti di dati personali verso un paese terzo o un’organizzazione internazionale” andrà riportata l’informazione relativa ai suddetti trasferimenti unitamente all’indicazione relativa al Paese/i terzo/i cui i dati sono trasferiti e alle “garanzie” adottate ai sensi del capo V del RGPD (es. decisioni di adeguatezza, norme vincolanti d’impresa, clausole contrattuali tipo, ecc.);
  • nel campo “termini ultimi previsti per la cancellazione delle diverse categorie di dati” dovranno essere individuati i tempi di cancellazione per tipologia e finalità di trattamento (ad es. “in caso di rapporto contrattuale, i dati saranno conservati per 10 anni dall’ultima registrazione – v. art. 2220 del codice civile”). Ad ogni modo, ove non sia possibile stabilire a priori un termine massimo, i tempi di conservazione potranno essere specificati mediante il riferimento a criteri (es. norme di legge, prassi settoriali) indicativi degli stessi (es. “in caso di contenzioso, i dati saranno cancellati al termine dello stesso”);
  • nel campo “descrizione generale delle misure di sicurezza” andranno indicate le misure tecnico-organizzative adottate dal titolare ai sensi dell’art. 32 del RGDP tenendo presente che l’elenco ivi riportato costituisce una lista aperta e non esaustiva, essendo rimessa al titolare la valutazione finale relativa al livello di sicurezza adeguato, caso per caso, ai rischi presentati dalle attività di trattamento concretamente poste in essere. Tale lista ha di per sé un carattere dinamico (e non più statico come è stato per l’Allegato B del d. lgs. 196/2003) dovendosi continuamente confrontare con gli sviluppi della tecnologia e l’insorgere di nuovi rischi. Le misure di sicurezza possono essere descritte in forma riassuntiva e sintetica, o comunque idonea a dare un quadro generale e complessivo di tali misure in relazione alle attività di trattamento svolte, con possibilità di fare rinvio per una valutazione più dettagliata a documenti esterni di carattere generale (es. procedure organizzative interne; security policy ecc.).
  • Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it

Privacy – trasferimento dei Dati tra Europa e USA: Cos’è il Privacy Shield?

Il Privacy Shield è un importante provvedimento che tutela i diritti fondamentali dei cittadini dell’Unione Europea i cui dati personali sono trasferiti verso gli Stati Uniti.

Grazie a questo scudo le autorità americane non potranno più avere un accesso illimitato ai nostri dati e saranno sottoposte a controlli rigorosi.

Per consulenze privacy, assunzione incarico di DPO in esterno, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it

 

Corso per addetti alla squadra di emergenza pr la lotta antincendio? Ad aprile 2019 le date di MODO sono l’11 e il 16.


Sei un nuovo addetto antincendio? Devi seguire un corso di formazione per nuovi addetti antincendio per aziende con rischio medio?

A Mestre abbiamo in programmazione presso la nostra aula corsi di (Via Volturno 4/e fermata tram/bus Volturno con parcheggi gratis limitrofi), corsi della durata di 8 ore per tutto il personale aziendale che compone la squadra antincendio. Gli ultimi posti sono scontati del 20%!

PROGRAMMA dell'attività didattica:

L’incendio e la prevenzione
  • Principi sulla combustione e l'incendio;
  • Le sostanze estinguenti;
  • Triangolo della combustione;
  • Le principali cause di un incendio;
  • Rischi alle persone in caso di incendio;
  • Principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi.
Protezione antincendio e le procedure da adottare in caso di incendio:
  • Principali misure di protezione antincendio;
  • Procedure per l'evacuazione in caso di incendio;
  • Chiamata dei soccorsi;
  • Attrezzature ed impianti di estinzione; 
  • Sistemi di allarme;
  • Segnaletica di sicurezza;
  • Illuminazione di emergenza.
Esercitazioni pratiche:
  • Presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili;
  • Istruzioni sull’uso degli estintori portatili, naspi ed idranti.
Date:11 Aprile 2019 dalle 14.00 alle 18.00 e 16 Aprile 2019 dalle 8.30 alle 12.30

Quota di partecipazione: € 150,00 + IVA per persona VIENE scontato del 20%.

Ogni Azienda (uffici, cantieri temporanei, magazzini, …) deve essere presidiata da un numero sufficiente di addetti all’antincendio.

Per prendere visione delle  recensioni dei nostri corsisti cliccare alla pagina DICONO DI NOI.


Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it

La formazione del personale è fondamentale per diminuire i casi di infortuni nelle aziende. A Mestre corsi in offerta da MODI


La formazione è un processo circolare che prevede: l’analisi dei bisogni formativi, la progettazione degli interventi di formazione, la realizzazione dei corsi di formazione, il monitoraggio e la valutazione dei risultati e l’analisi dei bisogni formativi.

La comunicazione integrata comprende tutte le azioni e le forme di multimedia che hanno l’obiettivo di promuovere e realizzare network e sistemi mediali in grado di coinvolgere aziende, servizi, prodotti, clienti istituzioni pubbliche e sociali per migliorare la qualità dell’interazione tra le imprese ed il contesto in cui vivono.

Tutte le aziende per fare questo possono avvalersi di personale specializzato come i consulenti esterni.

Anche per la comunicazione interna le aziende possono far riferimento a consulenti specializzati (es. formatori per la sicurezza).

I processi di comunicazione aziendale sono resi più veloci e semplici dalle nuove tecnologie.

La comunicazione d’impresa utilizza come maggior strumento la grafica. Il messaggio grafico rientra nelle comunicazioni che l’impresa fa a fine divulgativo, infatti comprende la cartellonistica con le disposizioni per la prevenzione e le emergenze e la segnaletica di sicurezza.

La formazione del personale è fondamentale per diminuire i casi di infortuni nelle aziende e può essere effettuata da risorse interne abilitate o da professionisti esterni adeguatamente formati a cui vengono affidati i corsi di formazione e informazione per i lavori sui rischi connessi all’attività.

I corsi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro sono previsti dal quadro normativo delineato del D. lgs 81/08 e s.m.i e si caratterizza come: processo educativo, misure generali di tutela e obbligo giuridico.

La Società di Consulenza e Formazione MODI S.r.l. di Mestre e Spinea Venezia dal 1998 affianca moltissime PMI del Veneto e del Nord Est come RSPP in esterno, membro incaricato ODV, consulente per la realizzazione di sistemi di gestione qualità, ambiente e sicurezza. Per visionare i commenti dei nostri clienti a disposizione la pagina dicono di noi.

MODI realizza corsi di formazione sulla sicurezza in aule situate in varie città, in azienda presso la sede del Cliente e a distanza con uso di una piattaforma on line attiva 24 ore su 24.

Le tematiche trattate nei nostri corsi sono la Salute e Sicurezza nei Luoghi di lavoro, la "comunicazione efficace", la privacy, l'anticorruzione ISO 37001, la sicurezza stradale ISO 39001, l'igiene e alimenti, ecc.

Tra le proposte formative anche corsi sull'uso di “attrezzature di lavoro” come gru, carrelli elevatori, scavatori, piattaforme di lavoro mobili elevabili ecc.

Siamo certificati ISO 9001:2015 e convenzionati come Centro di Formazione da Aifos e da  Globalform per la formazione online. Lavoriamo inoltre collaborando con enti delle Regione Veneto.

MODI segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il nuovo Regolamento Europeo 2016/679.

MODI aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.




Il Regolamento Generale sulla protezione dei dati (General Data Protection Regulation, GDPR) 679/2016 è l’innovazione più significativa apportata negli ultimi anni in materia di protezione dei dati personali, non solo a livello dell’ Unione Europea ma a livello globale.

Il Regolamento Generale sulla protezione dei dati (General Data Protection Regulation, GDPR) 679/2016 è l’innovazione più significativa apportata negli ultimi anni in materia di protezione dei dati personali, non solo a livello dell’ Unione Europea ma a livello globale.

A partire dal 25 maggio 2018, qualsiasi organizzazione che utilizza e gestisca le informazioni personali dei residenti nell’UE, dovrà adattarsi alla nuova normativa GDPR in materia di trattamento dei dati, personali, sicurezza delle informazioni, processi di conformità e relazioni contrattuali.

Nel 2017 sono stati organizzati dallo Staff di ConsulenzaPrivacyRegolamentoUE679.it by MODI più incontri informativi in merito. A ogni “Seminario gratuito sul Regolamento Europeo Privacy 679/2016” organizzato a Mestre da MODI SRL, il ritorno in termini di partecipazione e interazione tra i partecipanti e i relatori è stato un successo.

Ringraziamo i partecipanti per i feedback più che positivi ricevuti e per l’interesse dimostrato. Invitiamo tutti a seguirci sul nuovo sito internet www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it
Scarica gratuitamente il Regolamento 679/16 Generale sulla Protezione dei Dati dell’UE –Guida alla Conformità https://consulenzaprivacyregolamentoue679.it

Lo Staff di Consulenza Privacy Regolamento UE679.it by MODI è in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it

Bornout e Stress lavoro correlato? A rischio i lavoratori operanti nei settori di assistenza alla persona

Quando si parla di stress lavoro correlato viene da se parlare di "Burnout".

Il Burnout è definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e di riduzione delle capacità personali che può presentarsi in soggetti che svolgono professioni d’aiuto alla persona come per esempio per i lavoratori in ambito sanitario infermiere, assistenze socio sanitario .

Per un preventivo per la consulenza in materia di valutazione dei rischi da Stress Lavoro Correlato e per ulteriori informazioni, chiamateci al numero verde raggiungibile anche da telefoni fissi e smartphone 800300333.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it



Documento di Valutazione dei Rischi: sei in regola?

Il Documento di Valutazione dei Rischi (anche quello standardizzato) deve avere data certa, ossia si deve poter provare che il documento sia stato redatto con un preciso riferimento temporale. A tal fine è sufficiente che il documento sia sottoscritto dal RSPP, dal medico competente (se nominato) e dal RLS. In mancanza del medico competente o del RLS, si rende necessario documentare la data semplicemente inviandosi il documento in formato pdf tramite PEC. Per coloro che non avessero la PEC è possibile ricorrere all'apposizione del timbro di un ufficio postale sul documento avente "corpo unico" (seguendo la procedura descritta nella disposizione delle Poste italiane 93/2007). Altra soluzione è quella di spedire per mezzo raccomandata il documento all’indirizzo della propria sede.

Il DVR per poter essere considerato completo deve comprendere: anagrafica aziendale, organigramma del servizio di prevenzione e protezione, metodologia adottata per la valutazione dei rischi, descrizione del ciclo lavorativo ed identificazione delle mansioni, elenco dei rischi valutati e suddivisi per ambiente lavorativo e il programma di miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza.

Lo staff tecnico della Società di Consulenza e Formazione MODI S.r.l. è a disposizione dei clienti e potenziali clienti, per fornire maggiori informazioni in materia salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.

Cosa si intende per “formazione” “informazione” ed “ addestramento” di un lavoratore?

Per formazione si intende un processo educativo tramite il quale si trasferiscono ai Lavoratori e agli altri soggetti appartenenti al sistema di prevenzione e protezione aziendale le conoscenze e le procedure utili per essere in grado di svolgere in sicurezza i rispettivi compiti, e per prevenire i rischi.

L’informazione comprende l’insieme delle attività utili a fornire conoscenze sull’identificazione, riduzione e gestione dei rischi in un ambiente di lavoro.

Con addestramento si intendono, invece, tutte le attività volte a far apprendere ai lavoratori l’uso corretto di macchine, attrezzature, impianti, sostanze, dispositivi anche di protezione individuale e procedure di lavoro.

La formazione e l’addestramento specifico devono avvenire all’inizio del rapporto di lavoro (o entro 60 giorni), in occasione del trasferimento o del cambiamento di mansione, quando si introducono nuove attrezzature e tecnologie o sostanze e preparati pericolosi.

MODI S.r.l di Mestre e Spinea Venezia organizza corsi di Formazione per Lavoratori, Preposti, RLS, RSPP, Dirigenti, Addetti al Primo Soccorso, Addetti Antincendio, Gruisti, Carrellisti e molti altri.

Qui di seguito i corsi in partenza questo mese presso l'aula corsi di Mestre situata vicino alla fermata del tram e del bus in Via Volturno 4/e telefono 041 616289.

FORMAZIONE LAVORATORI GENERALE durata 4 ore – 80,00€
11 marzo 2019 orario 14.00/18.00

FORMAZIONE LAVORATORI BASSO durata 4 ore – 160,00€
14 marzo 2019 orario 14.00/18.00

FORMAZIONE LAVORATORI MEDIO durata 8 ore – 150,00€
14 e 18 marzo 2019 orario 14.00/18.00

FORMAZIONE LAVORATORI ALTO durata 12 ore – 220,00€
14, 18 e 20 marzo 2019 orario 14.00/18.00

AGGIORNAMENTO LAVORATORI durata 6 ore – 109,90€
11 marzo 2019 orario 14.00/18.00 e 14 marzo 2019 orario 14.00/16.00

Per ulteriori informazioni consultare il nostro sito www.modiq.it oppure contattateci al numero verde 800300333 raggiungibile gratis anche da mobile o via e-mail a modi@modiq.it.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/.


Applicazione o messa in conformità del GDPR?

Applicazione o messa in conformità del GDPR?
MODI applica con una metodologia collaudata e “veloce” il Regolamento Europeo 679/2016?

Il Regolamento 679/2016 sulla protezione dei dati è l’innovazione più significativa apportata negli ultimi anni in materia di protezione dei dati personali, non solo a livello dell’ Unione Europea ma a livello globale.

La nostra azienda si occupa di consulenza di organizzazione aziendale dal 1998 e gestisce tutte le attività necessarie a un’impresa per adeguarsi alla normativa vigente privacy, adottare un sistema di gestione qualità, ambiente, Sicurezza e di modelli di organizzazione e gestione 231.

Stiamo lavorando per i nostri clienti alle prese con l’applicazione del Regolamento Europeo #679/2016.

Lo staff tecnico di ConsulenzaPrivacyRegolamentoue679.it by MODI Srl si propone per aiutare le aziende a prepararsi per il GDPR, riducendo al minimo il rischio di sanzioni, grazie a una procedura già collaudata che permette di contenere i costi, i tempi e gli impatti sulle risorse operative alle prese con la nuova documentazione.

Lo Staff di Consulenza Privacy Regolamento UE679.it by MODI è in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it

panino

Perchè si utilizza il termine DPO – Data Protection Officer e quali sono le figure della privacy secondo il Regolamento GDPR 2016/679?


 Le figure della privacy secondo il GDPR 2016/679 Privacy sono:

Titolare del trattamento del dato ovvero la figura che determina finalità e mezzi del trattamento del dato ovvero COLUI CHE HA POTERE DECISIONALE sulle modalità di trattamento dei dati;

Responsabile del trattamento dei dati e cioè la figura che tratta i dati personali per conto del titolare del trattamento del dato. Deve essere in in grado di garantire la tutela dell’interessato trattando secondo il Regolamento UE GDPR 2016/679 i dati.

L'incaricato del trattamento del dati non previsto dal GDPR 2016/679 ma nemmeno escluso. È la figura che risponde direttamente al titolare e al responsabile. L'impiegato per esempio che tratta le buste paga, fatturazione, homebanking, la  rendicontazione economica ecc. è considerato un "incarcato" e deve essere formato perchè tratta dei dati personali.

I termini che descrivono le "figure" che gestiscono in Azienda il rispetto della Privacy sono:

Responsabile protezione dati (altrimenti detto Data Protection Officer, o DPO) è un consulente, esperto e qualificato, che affianca il titolare nella gestione delle questioni connesse al trattamento dei dati personali e lo aiuta a rispettare la normativa vigente. Il DPO viene introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento dal GDPR 2016/679, ma già diffuso in altri Stati membri, il cui ruolo è da tenere ben distinto da quello del responsabile del trattamento è invece il soggetto che affianca per compiti e responsabilità il titolare stesso. Per distinguere meglio queste due figure ed evitare confusione si è maggiormente diffuso, l'utilizzo del termine inglese DPO - Data Protection Officer;
•  Specialista privacy. In supporto al DPO;
•  Valutatore Privacy. Braccio destro DPO;
•  Titolare del trattamento Dati. Chi ha potere decisionale su come trattare il dato;
Responsabile trattamento Dati. Il responsabile del trattamento è definito dal GDPR come la persona fisica o giuridica, l’autorità pubblica, il servizio o qualsiasi altro organismo che tratta dati personali per conto del titolare del trattamento (art. 4).

MODI assume per le Aziende con sede vicino a Venezia, Treviso, Padova, Vicenza, Rovigo il ruolo di DPO. Per consulenze Privacy, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


In Italia la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro sono una priorità, per questo motivo è stato emanato il D.Lgs 81 del 9 aprile 2008, noto anche come Testo unico in materia di salute e sicurezza


In Italia la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro sono una priorità, per questo motivo è stato emanato il D.Lgs 81 del 9 aprile 2008, noto anche come Testo unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro (modificato successivamente dal D.Lgs 106 del 5 agosto 2009).

L'obiettivo di questo decreto è ridurre al minimo gli infortuni sul lavoro e salvaguardare la salute dei lavoratori.

Con l’entrata in vigore del Decreto Legislativo 09 aprile 2008 n. 81 (e precedentemente con l’ex D.Lgs 626/94) la sicurezza sul lavoro deve essere svolta sia dal Datore di lavoro attraverso le figure del Responsabile della Sicurezza e del Medico Competente, sia dal lavoratore mediante una sua partecipazione attiva e personale.

Il decreto legislativo 81/08, con le successive modifiche, ha la finalità di tutelare la salute dei lavoratori, in ogni forma e tipologia di attività lavorativa, da tutte le tipologie di rischio, con riguardo alle differenze di genere, di età, alla condizione delle lavoratrici e dei lavoratori immigrati.

MODI assume l'incarico di ASSPP\RSPP in esterno e organizza corsi di formazione per tutte le figure della sicurezza come gli RLS, dirigenti, preposti, lavorartori, RSPP datore di lavoro, addetti alla squadra di emergenza, videoterminalisti, incaricati all'uso delle attrezzature (gru, carrelli, piattaforme mobili elevabili, scavatori, ecc. e per chi lavora negli ambienti confinati e usa DPI di terza categoria.

Per le recensioni sui nostri servizi di consulenza e corsi di formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro cliccare alla pagina DICONO DI NOI.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


Sviluppa la capacità di intervento dei tuoi addetti al primo soccorso e falli partecipare ai corsi organizzati a Mestre, Spinea, Marghera da MODI SRL


Per le persone che sono state nominate addette al primo soccorso i corsi MODI forniscono la formazione o l’aggiornamento obbligatorio così come  previsto dall’art. 18 del Testo Unico (D. Lgs. 81/08).

Nel programma c’è anche la somministrazione di un  TEST DI APPRENDIMENTO FINALE e prove con manichino, bendaggi, ecc. 

Al termine del corso i partecipanti otterranno l’attestato di qualifica ai sensi del Decreto Ministeriale n. 
 388 del 15 luglio 2003.  La periodicità aggiornamento è ogni 3 anni (come previsto dal DM 388/03).
 
L’aula corsi di Mestre è in Via Volturno 4e.

Questa nostra sede è indicata per chi si muove con i mezzi pubblici in quanto vicinissima alla fermata del tram e del bus (fermata Via Volturno). Comoda la location anche per chi arriva in auto in quanto ci sono dei parcheggi sotterranei liberi e gratuiti e in superficie nei limitrofi. 

  • FORMAZIONE PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO A
durata 16 ore - € 180,00 21, 26, 28 e 29 marzo 2019 orario 14.00/18.00
  • AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO A
durata 6 ore – € 120,00 21 marzo 2019 orario 14.00/16.00 e 28 marzo 2019 orario 14.00/18.00
  • FORMAZIONE PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO B/C 
durata 12 ore - € 150,00 21, 26, 28 marzo 2019 orario 14.00/18.00
  • AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO B/C
durata 4 ore – € 80,00 28 marzo 2019 orario 14.00/18.00.

I Docenti MODI sono Medici esperti e formatori preparati e con esperienza. Rendono le lezioni interattive e piacevoli per i partecipanti.

Applichiamo una scontistica per più addetti iscritti alla stessa edizione del corso. Possibilità di effettuare i corsi in sede del Cliente. Per  prendere visione dei commenti di chi ha gia partecipato cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


Sviluppa la capacità di intervento dei tuoi addetti al primo soccorso e falli partecipare ai corsi di marzo c.a. organizzati a Mestre, Spinea, Marghera da MODI SRL

I corsi forniscono la formazione o l’aggiornamento obbligatorio così come  previsto dall’art. 18 del Testo Unico (D. Lgs. 81/08).

Nel programma c’è anche la somministrazione di un  TEST DI APPRENDIMENTO FINALE e prove con manichino, bendaggi, ecc. 

Al termine del corso i partecipanti otterranno l’attestato di qualifica ai sensi del Decreto Ministeriale n. 388 del 15 luglio 2003. 

 La periodicità aggiornamento è ogni 3 anni (come previsto dal DM 388/03).

La sede dei corsi di seguito riportati è situata nella città di Mestre in Via Volturno 4e. Questa nostra sede è indicata per chi si muove con i mezzi pubblici in quanto vicinissima alla fermata del tram e del bus (fermata Via Volturno). Comoda la location anche per chi arriva in auto in quanto ci sono dei parcheggi sotterranei liberi e gratuiti e in superficie nei limitrofi.
  •  FORMAZIONE PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO A
durata 16 ore - € 180,00 date: 21, 26, 28 e 29 marzo 2019 orario 14.00/18.00
  • AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO A
durata 6 ore – € 120,00 date:  21 marzo 2019 orario 14.00/16.00 e 28 marzo 2019 orario 14.00/18.00
  • FORMAZIONE PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO B/C 
durata 12 ore - € 150,00 date; 21, 26, 28 marzo 2019 orario 14.00/18.00
  • AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO B/C
durata 4 ore – € 80,00 date: 28 marzo 2019 orario 14.00/18.00.

I Docenti MODI sono Medici esperti e formatori preparati e con esperienza. Rendono le lezioni interattive e piacevoli per i partecipanti. Applichiamo una scontistica per più addetti iscritti alla stessa edizione del corso. Possibilità di effettuare i corsi in sede del Cliente.

E’ previsto un  TEST DI APPRENDIMENTO FINALE e prove con manichino, bendaggi, ecc.
Al termine del corso otterranno l’attestato di qualifica ai sensi del Decreto Ministeriale n. 388 del 15 luglio 2003.  La periodicità aggiornamento è ogni 3 anni (come previsto dal DM 388/03).

Per visionare le recensioni sui nostri corsi e servizi cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.