Se un Responsabile determina le finalità ed i mezzi del trattamento, è considerato titolare del trattamento in questione.

Il Responsabile del Trattamento rappresenta una funzione di sostegno operativo per il Titolare della privacy UE 679/2016.
Per questo motivo è necessario che sia un soggetto affidabile che presenti garanzie sufficienti per mettere in atto misure tecniche e organizzative adeguate in modo che il trattamento soddisfi il GDPR. Tratta i dati personali soltanto su istruzione documentata del titolare del trattamento, anche in caso di trasferimento di dati personali verso un paese terzo o un'organizzazione internazionale…

• garantisce che le persone autorizzate al trattamento dei dati personali (INCARICATI ex 196/2003) si siano impegnate alla riservatezza o abbiano un adeguato obbligo legale di riservatezza (LETTERA DI INCARICO ex 196/2003);

• tenendo conto della natura del trattamento, assista il titolare del trattamento con misure tecniche e organizzative adeguate, nella misura in cui ciò sia possibile, al fine di soddisfare l'obbligo del titolare del trattamento di dare seguito alle richieste per l'esercizio dei diritti dell'interessato di cui al capo III;

• adotta tutte le misure richieste ai sensi dell'articolo 32 e assiste il titolare nel garantire il rispetto degli obblighi di cui agli articoli da 32 a 36, tenendo conto della natura del trattamento e delle informazioni a disposizione del responsabile del trattamento;

• su scelta del titolare del trattamento, cancella o gli restituisce tutti i dati personali dopo che è terminata la prestazione dei servizi relativi al trattamento e cancella le copie esistenti;

• mette a disposizione del titolare del trattamento tutte le informazioni necessarie per dimostrare il rispetto degli obblighi di cui al presente articolo e consenta e contribuisca alle attività di revisione, comprese le ispezioni, realizzati dal titolare del trattamento o da un altro soggetto da questi incaricato. (AUDIT PRIVACY PERIODICI).

Non ricorre a un altro responsabile senza previa autorizzazione scritta, specifica o generale, del titolare del trattamento.
Nel caso di autorizzazione scritta generale, il responsabile del trattamento informa il titolare del trattamento di eventuali modifiche previste riguardanti l'aggiunta o la sostituzione di altri responsabili del trattamento, dando così al titolare del trattamento l'opportunità di opporsi a tali modifiche. Se il secondo Responsabile omette di adempiere agli obblighi in materia di protezione dei dati, è comunque il primo Responsabile che ne risponde al Titolare. 
Se un Responsabile determina le finalità ed i mezzi del trattamento, è considerato titolare del trattamento in questione. 
Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo! 

Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR! 




Programmati a settembre, ottobre, novembre e dicembre 2018 dalla Società di Consulenza e Formazione MODI SRL corsi per lavoratori, addetti antincendio, primo soccorso, RLS


Programmati a settembre, ottobre, novembre e dicembre 2018 dalla Società di Consulenza e Formazione MODI SRL  i  corsi di formazione e aggiornamento per gli "incaricati al primo soccorso". La sede dei corsi è a Mestre Venezia in Via Volturno 4/e facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici (fermata tram e bus di Via Volturno) e con l'auto (parcheggi gratuiti in zona).

Durante i corsi di PRIMO SOCCORSO, verranno affrontate tutte le tematiche necessarie all’addetto per lo svolgimento del compiti all’interno dell’azienda.  Per visionare i commenti di chi ha già partecipato ai corsi MODI vedi DICONO DI NOI.


Addetti al "PRIMO SOCCORSO" AGGIORNAMENTO - 4 ore (B/C gruppo aziende) al prezzo di € 80,00 + IVA: 
Organizzato in aula a Mestre nei giorni sotto indicati:
Per scaricare il modulo di partecipazione con il  programma completo cliccare qui.

martedì 18 settembre orario 14.00/18.00;
mercoledì 3 ottobre 2018 orario 14.00/18.00;
lunedì 29 ottobre 2018 orario 14.00/18.00;
giovedì 6 dicembre 2018 orario 14.00/18.00;
venerdì14 dicembre 2018 orario 14.00/18.00.

Incaricati  al  "PRIMO SOCCORSO" AGGIORNAMENTO - 6 ore in un'unica data (per aziende del gruppo A) al prezzo di € 120,00 + IVA:  
Frequentabile nella sede di Mestre nelle giornate sotto indicate:
Per scaricare la scheda di partecipazione con il programma completo cliccare qui.

mercoledì 3 ottobre 2018 orario 13.30/19.30;
lunedì 29 ottobre 2018 orario 13.30/19.30;
giovedì 6 dicembre 2018 orario 13.30/19.30;
venerdì 14 dicembre 2018 orario 13.30/19.30.

Addestramento degli addetti al  "PRIMO SOCCORSO" - 12 ore (aziende gruppo B/C) al costo di € 150,00 + IVA: Organizzato in aula a Mestre nelle lezioni sotto elencate:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.


21, 28 settembre 2018 e 3 ottobre 2018 orario 14.00/18.00;
24, 25, 29 ottobre 2018 orario 14.00/18.00;
23, 30 novembre 2018 e 6 dicembre 2018 orario 14.00/18.00;
7, 11, 14 dicembre 2018 orario 14.00/18.00.

Formazione degli incaricati "PRIMO SOCCORSO" - 16 ore ( aziende gruppo A) al costo di € 180,00 + IVA: Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto elencati: 
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.

21, 28 settembre 2018 orario 14.00/19.00 e 3 ottobre 2018 orario 13.30/19.30;
24, 25 ottobre 2018 orario 14.00/19.00 e 29 ottobre 2018 orario 13.30/19.30;
23, 30 novembre 2018 orario 14.00/19.00 e 6 dicembre 2018 orario 13.30/19.30;
7, 11 dicembre 2018 orario 14.00/19.00 e 14 dicembre 2018 orario 13.30/19.30.

Devi adeguarti al D.Lgs. 81/2008. Chima MODI SRL ti supportiamo noi. Siamo RSPP esperti e capaci, L'offerta formativa di corsi in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è molto ricca. 


Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.



Adottare le misure necessarie a documentare violazioni della privacy da fornire al Garante in caso di accertamenti.


Tutti i titolari e i responsabili di trattamento ad eccezione degli organismi con meno di 250 dipendenti (ma solo se non effettuano trattamenti a rischio), devono tenere un registro delle operazioni di trattamento i cui contenuti sono indicati all’art. 30.
Il registro deve avere forma scritta, anche elettronica, e deve essere esibito su richiesta al Garante. Le Misure di sicurezza devono garantire un livello di sicurezza adeguato al rischio del trattamento (art. 32); la lista ex art. 32 è aperta e non esaustiva. 

Si raccomanda quindi di adottare misure necessarie a documentare violazioni, essendo tenuti a fornire tale documentazione su richiesta, al garante, in caso di accertamenti. 
Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo!
Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!



misure tecniche e organizzative per l’esercizio dei diritti

E’ opportuno che i “titolari di trattamento dei dati” adottino le misure tecniche e organizzative eventualmente necessarie per favorire l’esercizio dei diritti e il riscontro alle richieste presentate dagli interessati, che – a differenza del Codice Privacy – dovrà avere per impostazione predefinita forma scritta (anche elettronica).

Il termine per la risposta all’interessato è, per tutti i diritti (compreso il diritto di accesso), 1 mese, estendibili fino a 3 mesi in casi di particolare complessità; il titolare deve comunque dare un riscontro all’interessato entro 1 mese dalla richiesta, anche in caso di diniego.

Spetta al titolare valutare la complessità del riscontro all’interessato e stabilire l’ammontare dell’eventuale contributo da chiedere all’interessato, ma soltanto se si tratta di richieste manifestamente infondate o eccessive (anche ripetitive) (art. 12.5), a differenza di quanto prevedono gli art. 9, comma 5, e 10, commi 7 e 8, del Codice, ovvero se sono chieste più “copie” dei dati personali nel caso del diritto di accesso (art. 15, paragrafo 3); in quest’ultimo caso il titolare deve tenere conto dei costi amministrativi sostenuti.

Il riscontro all’interessato di regola deve avvenire in forma scritta anche attraverso strumenti elettronici che ne favoriscano l’accessibilità; può essere dato oralmente solo se così richiede l’interessato stesso (art. 12, paragrafo 1; si veda anche art. 15, paragrafo 3).

La risposta fornita all’interessato non deve essere solo “intelligibile”, ma anche concisa, trasparente e facilmente accessibile, oltre a utilizzare un linguaggio semplice e chiaro.

Il titolare del trattamento deve agevolare l’esercizio dei diritti da parte dell’interessato, adottando ogni misura (tecnica e organizzativa) a ciò idonea.

Benché sia il solo titolare a dover dare riscontro in caso di esercizio dei diritti (artt. 15-22), il responsabile è tenuto a collaborare con il titolare ai fini dell’esercizio dei diritti degli interessati (art. 28, paragrafo 3, lettera e) ).

L’esercizio dei diritti è, in linea di principio, gratuito per l’interessato, ma possono esservi eccezioni (si veda il paragrafo “Cosa cambia”).

Il titolare ha il diritto di chiedere informazioni necessarie a identificare l’interessato, e quest’ultimo ha il dovere di fornirle, secondo modalità idonee (si vedano, in particolare, art. 11, paragrafo 2 e art. 12, paragrafo 6).

Sono ammesse deroghe ai diritti riconosciuti dal regolamento, ma solo sul fondamento di disposizioni normative nazionali, ai sensi dell’articolo 23 nonché di altri articoli relativi ad ambiti specifici (si vedano, in particolare, art. 17, paragrafo 3, per quanto riguarda il diritto alla cancellazione/”oblio”, art. 83 – trattamenti di natura giornalistica e art. 89 – trattamenti per finalità di ricerca scientifica o storica o di statistica).

In questo senso, in via generale, possono continuare a essere applicate tutte le deroghe previste dall’art. 8, comma 2, del Codice in quanto compatibili con le disposizioni citate. Al riguardo, il Garante sta valutando la piena rispondenza delle disposizioni citate in tale articolo del Codice con i requisiti fissati per la legislazione nazionale dall’articolo 23, paragrafo 2, del regolamento.

MODI S.r.l. di Mestre Spinea Venezia effettua per le Aziende del Veneto interessate, una valutazione “Privacy” svolgendo un’analisi approfondita e fornisce un supporto nell’implementazione del “piano di adeguamento” e la formazione al personale coinvolto.

Lo Staff di Consulenza Privacy Regolamento UE679.it by MODI è in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it

Secondo quando stabilito dal GDPR 2016/679 Privacy, l’interessato ha diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali c

Secondo quanto stabilito dal GDPR 2016/679 Privacy, l’interessato ha diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano se sussiste uno dei seguenti motivi:

• I dati personali non sono più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti;
• L’interessato revoca il consenso;
• L’interessato si oppone al trattamento;
• I dati personali sono stati trattati illecitamente;
• I dati personali devono essere cancellati per adempiere ad un obbligo legale.

Il diritto alla cancellazione non si applica se il trattamento è necessario:

• all’esercizio del diritto alla libertà di espressione e di informazione;
• per l’adempimento all’obbligo legale che richieda il trattamento previsto dal diritto dell’unione o dello stato membro cui è soggetto il titolare del trattamento, o per l’esecuzione di un compito svolto nel pubblico interesse oppure nell’esercizio di pubblici poteri;
• per motivi di interesse pubblico nel settore della sanità pubblica;
• ai fini di archiviazione nel pubblico interesse, di ricerca scientifica o storica o a fini statistici;
• per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria.
Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo!  

Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!


Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell’entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo!


Il Regolamento GDPR europeo 2016/679 dà un ampio spazio ai diritti dell’interessato rispetto al passato, ed un intero capo del regolamento europeo è dedicato a tale argomento.

Tra i vari:
Diritti di natura conoscitiva:
Diritto all’informativa;
Diritto di accesso;
Diritto alla comunicazione di una violazione dei dati.
Diritti di controllo:
Consenso al trattamento;
Diritto di limitazione del trattamento;
Revoca del consenso al trattamento;
Diritto di opposizione al trattamento;
Diritto alla portabilità dei dati;
Diritto di rettifica ed integrazione;
Diritto alla cancellazione e all’oblio;
Decisioni basate unicamente su trattamento automatizzato.

In particolare ha assunto rilievo il cosiddetto DIRITTO ALL’OBLIO (art. 17)

• diritto di veder cancellati i propri dati personali presso il titolare che li tratta;
• diritto di veder cancellati i rinvii a questi dati, che potrebbero apparire sui motori di ricerca più diffusi;

Il diritto ad «essere dimenticati» deve concordarsi con il diritto di informazione e di libera espressione (si pensi ad un fatto di cronaca in cui è coinvolto l’interessato), e in generale con l’interesse pubblico e con eventuali obblighi legali.

Pertanto l’interessato non sempre potrà richiedere la cancellazione immediata dei dati che lo riguardano (riportati ad esempio da un sito web) fintanto che tali dati avranno una rilevanza pubblica, stante ovviamente la correttezza degli stessi.

Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo!

Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!





Cosa fa l’Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione? Quali sono le differenze con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione?


Cosa fa l’Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione? Quali sono le differenze con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione?

L'Addetto del Servizio Prevenzione e Protezione è una figura di supporto al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Il D.Lgs 81/2008 prevede che vi siano “un numero adeguato” di Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione, in relazione alle caratteristiche, alla complessità, alle dimensioni e alle attività dell'azienda ed in base alla valutazione del rischio.

Il corso per ASPP e quello per RSPP condividono i primi due moduli (modulo A e B), ma l’ASPP è esonerato dal dover frequentare il modulo C, riguardante gli aspetti relazionali.

MODI S.R.L. in qualità di Centro di Formazione AIFOS organizza nelle aule corsi di Mestre, Spinea, Marghera Venezia, corsi per RSPP, ASPP, RSPP Datori di Lavoro. A distanza e cioè con i corsi online si  possono frequentare i corsi di aggiornamento obbligatorio da farsi ogni 5 anni. Vasta offerta formativa anche per lavoratori, dirigenti, preposti, addetti al primo soccorso, antincendio, incaricati uso attrezzature di lavoro (gru, carrelli, PLE, ecc.).

Per informazioni su i corsi di Formazione per ASPP e RSPP consultare il nostro sito www.modiq.it oppure contattateci al numero verde 800300333 raggiungibile gratis anche da mobile o via e-mail a modi@modiq.it.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/

Uno degli obiettivi del Regolamento UE PRIVACY 679/216 è quello di rafforzare il controllo dei dati personali


L'obiettivo del Regolamento UE PRIVACY 679/216 è quello di rafforzare il controllo sui propri dati personali quando questi sono trattati con mezzi automatizzati:

• ricevendo tutti i dati personali che lo riguardano in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e interoperabile.

• trasmettendoli, se necessario, ad un altro fornitore di servizi o titolare del trattamento.

• facendoli trasmettere direttamente da un titolare all’altro, se tecnicamente possibile.

Il diritto dell’Unione Europea o dei singoli Stati membri può imporre limitazioni al diritto alla "portabilità" dei dati, se conformi alla Carta e alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.

Si applica solo dietro consenso o se la stessa è necessaria per l’esecuzione di un contratto.

Non si applica nei confronti dei titolari che trattano dati nell’esercizio delle loro funzioni pubbliche (es. obbligo legale). Non deve obbligare il titolare ad adottare o mantenere sistemi di trattamento compatibili.

L’informativa deve contenere la possibilità per l’interessato di richiedere la portabilità dei suoi dati.

Il Titolare deve inoltre fornire un’informativa chiara, concisa, trasparente, intellegibile, facilmente accessibile e completa in merito a quali dati verranno trattati, in che modo, per quanto tempo e per quali finalità.

La profiliazione è il "trattamento automatizzato" che valuta aspetti concernenti una persona fisica, al fine di analizzare o prevedere diversi aspetti (il rendimento professionale, la situazione economica, la salute, le preferenze o gli interessi personali, l’affidabilità o il comportamento, l’ubicazione o gli spostamenti dell’interessato) e che può produrre effetti giuridici o incidere significativamente sulla persona interessa la disponibilità di una grandissima quantità di dati (big data) permettono di costruire un profilo dell’interessato che spesso raggiunge alti livelli di accuratezza.

Spesso questi dati vengano comunicati inconsciamente dall’interessato (es. tramite iscrizione ad un sito).

L’interessato ha il diritto di non essere sottoposto a una decisione basata unicamente su un trattamento automatizzato e che produca effetti anche pregiudizievoli (es. rifiuto automatico di una domanda di credito online).

Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo!

Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!




Consulente esperto Privacy Regolamento UE 679/2016

Il diritto alla privacy è oggi messo in costante pericolo da fenomeni come la “globalizzazione delle relazioni interpersonali” favorite dalla crescita costante delle possibilità di comunicazione e scambio di informazioni non solo tra individui ma anche tra aziende derivanti dall’uso sempre più diffuso e invasivo delle reti di comunicazione e internet.

Lo staff tecnico di MODI S.r.l. di Mestre e Spinea (VE) segue le organizzazioni del Veneto alle prese con l’applicazione del Regolamento europeo n. 679/2016 in materia di protezione dei dati personali che diventerà definitivamente applicabile in tutti i Paesi UE dal 25 maggio 2018, data entro la quale ogni stato membro ha allineato la propria legge sulla privacy al nuovo regolamento.

Siamo quindi in grado di affiancare qualsiasi tipologia di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice Privacy, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa della Società di Consulenza e formazione MODI SRL www.modiq.it o al numero verde 80030033, è possibile richiedere un appuntamento e un preventivo di consulenza per adempimenti privacy personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

MODI Srl di Mestre Spinea Venezia effettua per le Aziende del Veneto interessate, una valutazione “Privacy” svolgendo un’analisi approfondita e fornisce un supporto nell’implementazione del “piano di adeguamento” e la formazione al personale coinvolto.

Lo Staff di Consulenza Privacy Regolamento UE679.it by MODI è in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it

 

Il Regolamento Privacy GDPR UE 679/2016

Il Regolamento  Privacy GDPR UE 679/2016 ha istituito meccanismi di certificazione, sigilli e marchi di protezione dei dati che consentano agli “interessati” di valutare rapidamente il livello di protezione dei dati e dei relativi prodotti e servizi. 
L’adozione di codici di condotta e certificazioni è volontaria e dà la possibilità ad un titolare o un responsabile del trattamento che vi ricorre di disporre di uno strumento utilizzabile come elemento per documentare il rispetto dei propri obblighi in ordine alla protezione dei dati personali. 
Il Comitato europeo per la protezione dei dati raccoglie in un apposito registro tutte le certificazioni, i sigilli e i marchi di protezione dei dati. 
Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo!  

Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR! 




Il Regolamento GDPR UE 679/2016 ammette il trasferimento dei dati?

Il Regolamento GDPR UE 679/2016 ammette il trasferimento nelle seguenti ipotesi:
• decisione di adeguatezza della commissione;
• garanzie adeguate;
• norme vincolanti d’impresa;
• casi in deroga;
• legittimo interesse del titolare.
DECISIONE DI ADEGUATEZZA
La Commissione accerta se il Paese terzo, un territorio o uno o più settori specifici all’interno del Paese terzo, o l’organizzazione internazionale in questione garantiscono un livello di protezione adeguato e in tal caso il trasferimento non necessita di autorizzazioni specifiche.
L’atto di esecuzione specifica il proprio ambito di applicazione geografico e settoriale e identifica l’autorità di controllo esistente nel Paese terzo.

La violazione delle disposizioni previste dagli artt. da 44 a 49, relativamente al trasferimento dei dati verso paesi terzi, comporta sanzioni pecuniarie fino a euro 20.000.000,00, o per le imprese fino al 4% del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente, se superiore.

Almeno ogni quattro anni la Commissione deve riesaminare la posizione per una conferma, modifica o revoca delle condizioni di trasferimento.

Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo! 

Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR! 


Qual è la durata dell’abilitazione di chi ha seguito un corso sull’uso specificio in una o più attrezzature da lavoro?

Qual è la durata dell’abilitazione di chi ha seguito un corso sull'uso specificio in una o più attrezzature da lavoro?

L’articolo 73 del Decreto Legislativo 81/08 stabilisce gli obblighi di informazione, formazione e addestramento relativi alle attrezzature di lavoro.
L’abilitazione deve essere rinnovata entro 5 anni dalla data di rilascio dell’attestato di abilitazione attraverso la partecipazione ad un corso di aggiornamento della durata minima di 4 ore.

E' il datore di lavoro che deve provvedere ad informare i lavoratori sui rischi a cui sono esposti durante l’uso delle attrezzature di lavoro e sulle attrezzature di lavoro presenti nell'ambiente circostante. Vanno informati sui rischi anche i lavoratori che non ne fanno uso diretto ma che per esempio "transitano" vicino.

l datore di lavoro deve riservarne l’uso, con specifico incarico, ai lavoratori che abbiano ricevuto una informazione, formazione e addestramento adeguati e specifici, tali da consentire l’utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone. Quando viene effettuata una riparazione, una trasformazione o viene posta in  manutenzione un' attrezzatura i lavoratori incaricati debbono essere qualificati in maniera specifica per svolgere detti compiti.

Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it

Il Registro dei trattamenti secondo il Regolamento GDPR Privacy UE 679/2016 è un adempimento formale che sostituisce, nell’ordinamento italiano, l’obbligo di notificare il trattamento all’autorità garante.


Il Registro dei trattamenti secondo il Regolamento GDPR Privacy UE 679/2016 è un adempimento formale che sostituisce, nell’ordinamento italiano, l’obbligo di notificare il trattamento all’autorità garante.

È funzionale alla definizione delle misure di sicurezza dei trattamenti per la valutazione di impatto privacy.

Il Registro dei trattamenti secondo il Regolamento UE 679/2016 deve essere compilato per il trattamenti specifico delle attività come Titolare e per le attività come Responsabile.

L’obbligo del registro NON si applica per:

• le imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti;
• trattamento occasionale;
• trattamento di dati non sensibili o relativi a condanne penali e Reati.

I registri, da tenere in forma scritta, anche in formato elettronico, devono essere messi a disposizione dell’autorità garante per ispezioni e controlli. 
Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo! 
Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.



privacy e trattamento e circolazione dei dati personali nel rispetto del diritto alla protezione dei dati.

Il Regolamento UE n. 2016/679 si occupa di privacy e disciplina il trattamento dei dati personali, nonché la loro circolazione nel rispetto del diritto alla protezione dei dati.

Le novità introdotte con il Regolamento Privacy UE 2016/679 riguardano, dal punto di vista delle aziende (i cosi detti “titolari” del trattamento dei dati personali, tutte quelle che, salvo qualche eccezione per le aziende medio e piccole, avendo uno stabilimento all’interno dell’UE, trattano dati personali, indipendentemente dal fatto che il trattamento sia effettuato nell’UE stessa.
Il diritto alla privacy è considerato come “diritto” alla libertà fondamentale anche perseguendo scelte di extraterritorialità per garantire la tutela dei propri cittadini.

MODI Srl di Mestre Spinea Venezia effettua per le Aziende del Veneto interessate, una valutazione “Privacy” svolgendo un’analisi approfondita e fornisce un supporto nell’implementazione del “piano di adeguamento” e la formazione al personale coinvolto.

Lo Staff di Consulenza Privacy Regolamento UE679.it by MODI è in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it

 

Cosa si intende per “informazione” ai lavoratori nel complesso mondo della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro?

Cosa si intende per “informazione” ai lavoratori nel complesso mondo della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro?

Per “informazione” si intende l’insieme delle attività utili a fornire conoscenze sull’identificazione, riduzione e gestione dei rischi in un ambiente di lavoro. L'informazione ai lavoratori può essere fatta utilizzando diversi strumenti come per esempio: gli opuscoli, le vignette/fumetti, video, volantini, colloqui individuali o di gruppo, lezioni in aula, avvisi apposti nella bacheca aziendale, ecc.

E' fondamentale che l'informazione risulti completa ed adeguata. Deve essere di facile comprensione in modo da agevolare i lavoratori con un basso tasso di scolarizzazione o che non conoscono molto bene la lingua italiana.

Per i lavoratori stranieri è necessario, che il datore di lavoro si accerti della reale comprensione della lingua, con cui vengono fornite le informazioni.

Al datore di lavoro (ed alle figure da lui delegate) per assolvere all’obbligo di informazione non basta solamente diffondere materiale informativo.

Il datore di lavoro deve dare a ciascun lavoratore informazioni precise su  rischi specifici a cui è esposto in relazione alla propria mansione; sui pericoli connessi all’uso di sostanze e preparati pericolosi e sulle misure di sicurezza e sulle disposizioni di prevenzione e protezione adottate in azienda.

Il Datore di lavoro deve accertarsi che le notizie fornite siano state effettivamente recepite e che il lavoratore facca un uso corretto dei DPI dispositivi di protezione.

L’informazione per essere efficace deve essere costante e continua e deve consentire ai propri collaboratori di essere al corrente su eventuali nuovi rischi presenti in azienda.
Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it


La formazione sull’uso delle attrezzature comporta il completo assolvimento degli obblighi formativi in capo al datore di lavoro?


La formazione sull’uso delle attrezzature comporta il completo assolvimento degli obblighi formativi in capo al datore di lavoro?

No, la formazione specifica sull’uso delle attrezzature di lavoro è aggiuntiva della formazione obbligatoria prevista dall’art. 37 del D.Lgs. 81/2008 e dall’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 sulla formazione dei lavoratori, preposti e dirigenti.

Secondo quanto riportato nell’articolo 36 del Testo Unico sulla Sicurezza, il rappresentante legale di un’azienda deve provvedere a fornire a ciascun lavoratore un’adeguata informazione:
  •     sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro connessi all’attività dell’impresa in generale;
  •     sulle procedure riguardanti il primo soccorso, l’antincendio e l’evacuazione dei lavoratori in caso di emergenza;
  •     sui nominativi dei lavoratori addetti al primo soccorso e alla prevenzione incedi;
  •     sui nominativi dello RSPP e degli Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione e , qualora nominato, del Medico Competente.
  Il datore di lavoro deve provvedere a fornire a ciascun lavoratore informazioni precise:

  •     sui rischi specifici a cui è esposto in relazione alla propria mansione;
  •     sui pericoli connessi all’uso di sostanze e preparati pericolosi;
  •     sulle misure di sicurezza e sulle disposizioni di prevenzione e protezione adottate in azienda.
 Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it


Per l’autunno e l’inverno del 2018 a Mestre si attivano i CORSI SICUREZZA per addetti antincendio che si devono formare o aggiornare programmati mensilmente


Per l'autunno e l'inverno del 2018, abbiamo programmato nelle sedi di MODI S.r.l. in Mestre, corsi in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro secondo il D.lgs. 81/2008 per gli "addetti antincendio" che si devono formare o aggiornare.

Le attività di addestramento sono programmate mensilmente. Gli attestati sono validi in tutta Italia.

I Corsi di AGGIORNAMENTO periodico rivolto agli “incaricati alla lotta antincendio” operanti in aziende a  “RISCHIO BASSO”  hanno una durata di 2 ore e costano € 50,00  + IVA:

martedì 9 ottobre 2018 orario 14.00/16.00;
giovedì 15 novembre 2018 orario 14.00/16.00;
giovedì 13 dicembre 2018 orario 14.00

Corso di AGGIORNAMENTO dell’addestramento per incaricati ANTINCENDIO operanti in aziende a "RISCHIO MEDIO"della durata di 5 ore è proposto a € 100,00 + IVA:

mercoledì 10 ottobre 2018 orario 08.30/13.30;
lunedì 19 novembre 2018 orario 08.30/13.30;
lunedì 17 dicembre 2018 orario 08.30/13.30.

ADDESTRAMENTO “nuovi addetti antincendio operanti in aziende a RISCHIO BASSO” della durata di 4 ore è venduto a  € 80,00 + IVA:

martedì 9 ottobre 2018 orario 14.00/18.00;
giovedì 15 novembre 2018 orario 14.00/18.00;
giovedì 13 dicembre 2018 orario 14.00/18.00.

FORMAZIONE dei nuovi “Incaricati  alla lotta antincendio delle aziende a RISCHIO MEDIO” della durata 8  (questo corso oltre alla teoria prevede lo svolgimento di una prova pratica di spegnimento). Ill prezzo è pari a € 150.00 più IVA.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.

Quali sono le attrezzature per le quali è necessaria una specifica abilitazione degli operatori?

Quali sono le attrezzature per le quali è necessaria una specifica abilitazione degli operatori?

Le attrezzature di lavoro che richiedono una specifica abilitazione degli operatori sono le seguenti:
• Piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE);
• Gru a torre;
• Gru mobile e per autocarro (caricatrici idrauliche);
• Carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo;
• Trattori agricoli o forestali;
• Macchine movimento terra (escavatori, pale caricatrici, terne, autoribaltabili a cingoli);
• Pompe per calcestruzzo.

Quando le attrezzature richiedano per il loro uso conoscenze o responsabilità particolari in relazione ai loro rischi specifici, il datore di lavoro deve affidarne l’uso, con specifico incarico, ai soli lavoratori che abbiano ricevuto una informazione, formazione e addestramento adeguati e specifici, tali da consentire l’utilizzo sicuro delle attrezzature, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone.
 
In caso di riparazione, di trasformazione o manutenzione delle attrezzature i lavoratori interessati debbono essere qualificati in maniera specifica per svolgere detti compiti.

Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it

Chi sono i destinatari dei corsi sull’uso delle attrezzature di lavoro?


Chi sono i destinatari dei corsi sull’uso delle attrezzature di lavoro?


I corsi devono essere frequentati dai lavoratori incaricati all'utilizzo delle attrezzature indicate nell'Accordo. L’articolo 73 del Decreto Legislativo 81/08 stabilisce gli obblighi di informazione, formazione e addestramento relativi alle attrezzature di lavoro.

Qualora le attrezzature richiedano per il loro impiego conoscenze o responsabilità particolari in relazione ai loro rischi specifici, il datore di lavoro deve riservarne l’uso, con specifico incarico, ai lavoratori che abbiano ricevuto un'informazione, formazione e addestramento adeguati e specifici, tali da consentire l’utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone.
 
Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it



La privacy e i dati che viaggiano in rete

Oggi moltissime attività sociali ed economiche utilizzano esclusivamente strumenti e sistemi informatici e di comunicazione con dati che viaggiano in rete.

Lasciamo perciò sempre più informazioni digitali nei sistemi che utilizziamo, spesso senza saperlo e spesso senza alcuna forma di tutela della sicurezza e riservatezza.

Alcuni esempi di attività tracciabili possono essere:
• Dati memorizzati su banche dati e su PC;
• Navigazione in internet (cookies, profili, indirizzi email, ecc…);
• Pagamenti Bancomat o con Carte di Credito;
• Carte fedeltà, sistemi di data mining;
• Uso dei telefoni fissi e dei cellulari;
• Carte del cittadino, carte sanitarie;
• Sistemi di identificazione (DRM, telepass, firma digitale, ecc..);
• RFID (informazioni su oggetti, animali, persone, ecc..);
• Sistemi di localizzazione (antifurti satellitari, controllo posizione, ecc..);
• Sistemi di videosorveglianza.

MODI S.r.l. di Mestre e Spinea (VE) avvisa le aziende che dal 25 Maggio 2016 è entrato in vigore il Regolamento europeo n. 679/2016 in materia di protezione dei dati personali che è diventato definitivamente applicabile in tutti i Paesi UE a partire dal 25 maggio 2018, data entro la quale ogni stato membro ha allineato la propria legge sulla privacy al nuovo regolamento.

Il Garante per la privacy ha elaborato una prima Guida all’applicazione del Regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali.

La Guida traccia un quadro generale delle principali innovazioni introdotte dalla normativa e fornisce indicazioni utili sulle prassi da seguire e gli adempimenti da attuare per dare corretta applicazione alla normativa, già in vigore dal 24 maggio 2016 e già pienamente efficace dal 25 maggio 2018.

L’obiettivo della Guida è duplice: da una parte offrire un primo “strumento” di ausilio ai soggetti pubblici e alle imprese che stanno affrontando il passaggio alla nuova normativa privacy; dall’altro far crescere la consapevolezza sulle garanzie rafforzate e sui nuovi importanti diritti che il Regolamento riconosce alle persone.

Il testo della Guida è articolato in 6 sezioni tematiche: Fondamenti di liceità del trattamento; Informativa; Diritti degli interessati; Titolare, responsabile, incaricato del trattamento; Approccio basato sul rischio del trattamento e misure di accountability di titolari e responsabili; Trasferimenti internazionali di dati.

Ogni sezione illustra in modo semplice e diretto cosa cambierà e cosa rimarrà immutato rispetto all’attuale disciplina del trattamento dei dati personali, aggiungendo preziose raccomandazioni pratiche per una corretta implementazione delle nuove disposizioni introdotte dal Regolamento.

Lo Staff di Consulenza Privacy Regolamento UE679.it by MODI è in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.

Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.

È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.

Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it

 

Quali sono gli obblighi del datore di lavoro in merito all’utilizzo delle attrezzature citate nell’Accordo Stato-Regioni?


Quali sono gli obblighi del datore di lavoro in merito all’utilizzo delle attrezzature citate nell’Accordo Stato-Regioni?


Il datore di lavoro deve provvedere affinché i lavoratori incaricati dell'uso delle attrezzature che richiedono conoscenze e responsabilità particolari,  ricevano una formazione, informazione ed addestramento adeguati e specifici, tali da consentire l’utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone.

L’articolo 73 del Decreto Legislativo 81/08 stabilisce gli obblighi di informazione, formazione e addestramento relativi alle attrezzature di lavoro.

Le attrezzature da lavoro per le quali è necessaria l’abilitazione degli operatori sono le seguenti:
- piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE);
- gru a torre;
- gru mobile;
- gru per autocarro;
- carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo;
- trattori agricoli o forestali;
- macchine movimento terra;
- pompe per calcestruzzo.
Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it

E’ richiesta una specifica abilitazione degli operatori che utilizzano le attrezzature? Se si quali?


E' richiesta una specifica abilitazione degli operatori che utilizzano le attrezzature? Se si quali?
L’Accordo Stato-Regioni sull’uso delle attrezzature del 22 febbraio 2012 è entrato in vigore il 12 marzo 2013 riporta quali sono le attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori.

Le attrezzature per le quali è necessaria l’abilitazione degli operatori sono le seguenti:
- piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE);
- gru a torre;
- gru mobile;
- gru per autocarro;
- carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo;
- trattori agricoli o forestali;
- macchine movimento terra;
- pompe per calcestruzzo.

Dunque il lavoratore prima di essere adibito alla conduzione di tali attrezzature dovrà essere abilitato per la tipologia di attrezzatura e quindi informato, formato e addestrato sulla attrezzatura specifica in uso e periodicamente aggiornato.

Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it


Rispetto agli adempimenti di Legge in materia di salute sicurezza nei luoghi di lavoro, cosa succede se non si viene trovati in regola?


Rispetto agli adempimenti di Legge in materia di salute sicurezza nei luoghi di lavoro, cosa succede se non si viene trovati in regola? 


Il datore di lavoro è la prima figura incaricata a garantire la sicurezza sul lavoro e sulla quale ricade l’obbligo del mantenimento dei livelli della stessa.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di evitare che probabili e possibili pericoli dovuti all’esercizio della sua attività, possano tradursi in rischi per i lavoratori che vengono assunti per il compimento di tale attività.

Al datore di lavoro sono equiparati i dirigenti ed i preposti che organizzano tutte le attività svolte dai lavoratori, per i quali il Testo Unico in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro stabilisce che essi oltre ad adottare tutte le misure di sicurezza necessarie per la tutela dei dipendenti, devono anche informare gli stessi sui rischi specifici cui sono esposti, devono insegnare le norme fondamentali di prevenzione e devono addestrare i lavoratori all’utilizzo corretto dei mezzi e degli strumenti di protezione.

Se un ispettore del lavoro durante un’ispezione accerta delle violazioni, darà delle prescrizioni affinché l’irregolarità venga eliminata, indicando tempi e modi di correzione nel verbale di ispezione. Comunicherà comunque la violazione alla Procura della Repubblica. La mancata regolarizzazione o il mancato pagamento danno avvio ad un procedimento penale.

Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it



Privacy – Che cosa è cambiato con il il Gdpr?

Che cosa è cambiato con il il Gdpr? 

Dallo scorso 25 maggio è definitivamente applicabile Il GDPR.

Il General Protection Data Regulation è un Regolamento emanato dalla Commissione Europea , e in quanto tale è direttamente applicabile in ogni suo elemento.

Per la prima volta, in Europa, è stata introdotta una disciplina organica di un diritto fondamentale come quello della protezione dei dati personali dove il GDPR mira a sistematizzare le tutele necessarie in un ampio ambito territoriale.

Si applica non solo ai titolari di trattamento con sede nella Ue ma anche a quelli che, pur avendo sede in Paesi terzi, offrono servizi o monitorano il comportamento di persone che si trovano nella Ue. Ciò comporta una efficacia che nella società digitale è decisiva.

Fonte: Intervista ad Antonello Soro del 20 Aprile 2018

 
Lo staff tecnico della Società di Consulenza e Formazione MODI S.r.l. è a disposizione dei clienti e potenziali clienti, per fornire maggiori informazioni in materia di protezione dei dati personali al numero verde 800300333 gratuito anche da mobile.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it

Ultimi posti al corso del 2 luglio 2018 organizzato da MODI SRL a Mestre! Il corso è per addetti al primo soccorso in aziende di gruppo A e B/C.


Il 2 luglio 2018 dalle 14.00 alle 18.00 MODI SRL attiva a Mestre dei corsi di formazione e aggiornamento per addetti al primo soccorso in aziende di gruppo A e B/C.

Il corso proposto in questo articolo è rivolto agli incariti che hanno già avuto una formazione complete e che a distanza di tre anni devono seguire un corso di "aggiornamento obbligatorio per addetti al primo soccorso delle aziende del gruppo A, B e C".

Mancano pochissimi giorni, gli ultimi posti sono ribassati. Gli sconti vanno fino al 20% sull'importo indicato nel modulo di registrazione!

Per scaricare il programma dei corsi o le schede di partecipazione cliccare qui. 

Per prendere visione delle recensioni dei Clienti e allievi corsi visionare pagina DICONO DI NOI.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it